Geoffrey Burbidge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Geoffrey Ronald Burbidge (Chipping Norton, 24 settembre 1925San Diego, 26 gennaio 2010) è stato un fisico britannico, docente all'Università della California. Sposato con Margaret Burbidge, si è laureato a Londra nel 1951.

Nel 1957, insieme a sua moglie, all'astronomo inglese Fred Hoyle, e al fisico americano William Fowler, pubblicò un celebre articolo sulla nucleosintesi stellare, Synthesis of the Elements in Stars, che divenne famoso con una sigla composta dalle iniziali dei suoi autori, B²FH. Negli ultimi anni Burbidge si è distinto per la sua teoria cosmologica non convenzionale, che contraddice apertamente la dominante teoria del Big Bang. Per questo viene spesso accostato ad Halton Arp.

Secondo Burbidge, l'universo è oscillante, e si espande e contrae alternativamente all'infinito. Questa teoria, data la sua natura controversa, gli ha recato una certa fama, ma anche attirato critiche. Geoffrey Burbidge ha diretto l'Osservatorio di Kitt Peak dal 1978 al 1984.

È stato editore dell'Annual Review of Astronomy and Astrophysics dal 1974 al 2004[1]

Gli è stato dedicato l'asteroide 11753 Geoffburbidge.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Annual Review of Astronomy and Astrophysics

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 24693872 LCCN: n81062266