GeoEye-1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

GeoEye-1 è un satellite per telerilevamento di tipo commerciale per l'osservazione della terra ad alta risoluzione di proprietà della GeoEye, lanciato in orbita nel settembre 2008.

È già in progetto il lancio di un secondo satellite, probabilmente nel 2013, chiamato GeoEye-2 con risoluzione ancora più avanzate.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il 1º dicembre 2004 General Dynamics C4 Systems ha annunciato che si è aggiudicata un contratto del valore approssimativo di 209 milioni di dollari per costruire il satellite OrbView-5.[2] Il sensore è stato disegnato dalla ITT Corporation.

Il satellite, ora conosciuto come GeoEye-1, doveva essere inizialmente lanciato nell'aprile 2008 ma ha perso il suo slot temporale di 30 giorni a causa di un ritardo provocato dal governo degli Stati Uniti. Il lancio è stato quindi spostato al 22 agosto 2008, dalla base aerea di Vandenberg a bordo di un razzo Delta II.[3] Nuovamente spostato al 4 settembre, 2008, per la non disponibilità del Big Crow telemetry-relay aircraft[4][5] ha subito un ulteriore ritardo al 6 settembre a causa dell'uragano Hanna che ha interferito con la rampa di lancio.

Alla fine è stato lanciato con successo il 6 settembre alle 11:50:57 PDT (1850:57 UTC). Il GeoEye-1 si è in seguito separato dal Delta II alle 12:49 PDT (1949 UTC), 58 minuti e 56 secondi dopo il decollo.[6]

Specifiche tecniche e il funzionamento[modifica | modifica sorgente]

GeoEye-1 è provvisto di una risoluzione pancromatica di 41 centimetri (16 pollici) e di una multispettrale di 1,65 metri. Viaggia in un'orbita eliosincrona ad un'altezza di 684 km (425 miglia) ed una inclinazione di 98 gradi, con un tempo di attraversamento all'equatore di 10:30. Il GeoEye-1 può immagazzinare immagini fino a 60 degrees fuori dal nadir. Il suo centro operativo è situato a Dulles, in Virginia.

Al momento del lancio, il GeoEye-1 era il satellite artificiale commerciale per l'osservazione satellitare della Terra con la migliore risoluzione.[7] ˜È stato costruito a Gilbert (Arizona), dalla General Dynamics e lanciato dalla Vandenberg Air Force Base in California. La prima immagine è arrivata il 7 ottobre, e raffigurava l'Università di Kutztown in Pennsylvania.[8]

Google, il cui logo era situato sul razzo, ha l'escusiva sulla cartografia del satellite. Nonostante il GeoEye-1 sia in grado di fornire immagini con dettagli delle dimensioni di 41 centimetri (16 pollici), questa risoluzione è disponibile solamente al governo statunitense, per ragioni di sicurezza. Google può arrivare fino ad un dettaglio di 50 centimetri (20 pollici). La massima risoluzione commerciale è infine di 60 centimetri (24 pollici).[9]

La National Geospatial-Intelligence Agency e Google hanno pagato 502 milioni di dollari per il satellite e l'aggiornamento di quattro stazioni terrestri per il GeoEye.[10]

  • Massa al lancio: 1955 kg[11]
  • Massa Bus: 1260 kg[11]
  • Pannelli solari: GaAs, 3862 W alla fine della loro vita[11]
  • Data Downlink: 150 o 740 Mb/s, X-Band[11]
  • Apertura: 1,1 m[11]
  • Lente focale: 13,3 m[11]
  • Campo visivo: più di 1,28°[11]
  • Tempo di vita: 7 anni in orbita[11]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ GeoEye-2 Satellite Imagery and Satellite System Specifications | Satellite Imaging Corp
  2. ^ General Dynamics to Build Satellite to Improve U.S. Government Access to High-Resolution Earth Imagery, GD.
  3. ^ GeoEye-1 Launch Details, GeoEye.
  4. ^ Restatement Pulls GeoEye's Goals Back Down to Earth
  5. ^ Justin Ray, Delta 2 rocket launch of GeoEye craft postponed. URL consultato il 14 agosto 2008.
  6. ^ Justin Ray, Delta 2-335 Mission Status Center. URL consultato il 5 settembre 2008.
  7. ^ GeoEye-1 Launch Continues On Track, Seeking Alpha, 11 luglio 2008.
  8. ^ Google's Super Satellite Captures First Image, Wired, 7 ottobre 2008.
  9. ^ Google to buy GeoEye satellite imagery -cnet.com - August 29, 2008
  10. ^ Google GeoEye-1 Satellite Takes First Pic (Is that Your House?)
  11. ^ a b c d e f g h http://www7.nationalacademies.org/ssb/mtg_2_ADEPT.pdf

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]