Genyodectes serus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Genyodectes
Stato di conservazione: Fossile
Genyodectes serus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Saurischia
Sottordine Theropoda
Infraordine Ceratosauria
Superfamiglia Abelisauroidea
Genere Genyodectes
Specie G. serus
Nomenclatura binomiale
Genyodectes serus
Woodward, 1901

Per molto tempo i resti di questo dinosauro sono stati ritenuti essere di dubbia identità. Sostanzialmente il ritrovamento, avvenuto nel 1901 in Argentina, consisteva nella parte anteriore delle fauci (mascella e mandibola) con tanto di denti, ma l’orizzonte stratigrafico non era conosciuto, e si presumeva che i resti risalissero al Cretaceo Superiore.

Una storia tassonomica molto difficile[modifica | modifica sorgente]

Le zanne ricurve, seghettate e parzialmente compresse lateralmente avevano fatto in modo che il geniodecte (Genyodectes serus), in mancanza di altri resti, venisse classificato tra i teropodi tirannosauridi. La successiva scoperta, avvenuta negli anni ’80, di un intero gruppo di dinosauri carnivori dalle caratteristiche particolari, noti come abelisauridi, vissuti nel Cretaceo in Sudamerica, ha permesso di classificare questo teropode in modo corretto, ma spesso è stato confuso con Abelisaurus. Le zanne dei due animali, però, sono piuttosto differenti. Recentemente, poi, è stato anche possibile determinare che i resti di Genyodectes provengono dalla parte iniziale del Cretaceo superiore, mentre quelli di Abelisaurus sono del Maastrichtiano (parte finale del periodo).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]