Gennaro Santillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gennaro Santillo
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Mediano
Ritirato 1942
Carriera
Squadre di club1
1925-1932 Spezia Spezia 135 (6)
1932-1940 Palermo Palermo 214 (5)
1940-1942 Grosseto Grosseto 34 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Gennaro Santillo (La Spezia, 1º gennaio 1908Castelvetrano, 13 aprile 1943) è stato un calciatore italiano, di ruolo mediano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fratello maggiore di Umberto, era conosciuto anche come Santillo I. Perì nel 1943 durante la seconda guerra mondiale vittima di un mitragliamento aereo in Sicilia.[1] La sua salma giace nel cimitero di Staglieno (GE).[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Era un centromediano metodista tra i più completi degli anni trenta.

Ha esordito in Serie A con la maglia del Palermo il 18 settembre 1932 in Pro Vercelli-Palermo (2-0). Della squadra rosanero, di cui fu capitano,[2] è considerato uno dei giocatori più rappresentativi di sempre.[3]

Fu più volte convocato in Nazionale italiana da Vittorio Pozzo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Commissariato Generale Onoranze Caduti in Guerra lo si trova cercando Santillo cliccando alla voce "Gennaro" sulla freccia dopo "Spezia", si apre la sua scheda dove sono anche esposti luogo e data di nascita: 1/1/1908 La Spezia.
  2. ^ a b Gennaro Santillo, lo spezzino diventato simbolo del Palermo Cittadellaspezia.com
  3. ^ Giuseppe Bagnati; Vito Maggio; Vincenzo Prestigiacomo, Il Palermo racconta: storie, confessioni e leggende rosanero, Palermo, Grafill, giugno 2004, pp. 24-25, ISBN 88-8207-144-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]