Gennadij Ivanovič Janaev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gennadij Ivanovič Janaev (in russo Геннадий Иванович Янаев; Perezov, 26 agosto 1937Mosca, 24 settembre 2010) è stato un politico russo.

Janaev operò nel Komsomol a partire dal 1963. Nel periodo dal 1968 al 1970, occupò la posizione di Presidente del Comitato delle Organizzazioni Giovanili Sovietiche, mentre tra il 1986 e il 1990 fu segretario, vicepresidente e Presidente delle associazioni di commercio sovietiche (Всесоюзный центральный совет профессиональных союзов (ВЦСПС), o Vsesojuznyj central'nyj sovet professional'nykh sojuzov). Dal luglio 1990 al gennaio 1991 fu membro del Politburo e segretario del Comitato Centrale del PCUS. Dal dicembre 1990 all'agosto 1991 occupò il ruolo di Vicepresidente dell'Unione Sovietica.

Durante il colpo di stato di Mosca (19-21 agosto 1991), Janaev fu membro del Comitato statale di Emergenza, e fu nominato Presidente dell'Unione Sovietica. Fu poi arrestato e messo sotto processo per il suo ruolo di primo piano nell'organizzazione del golpe. Successivamente fu amnistiato grazie ad un decreto della Duma russa nel 1994. Negli ultimi anni della sua vita ha lavorato come consulente per comitati di veterani e come docente di storia.

È scomparso il 24 settembre 2010 all'età di 73 anni a seguito di una lunga malattia[1].

Citazione[modifica | modifica wikitesto]

« Lasciatemi dire che Mikhail Gorbačëv è ora in vacanza. Sta subendo delle cure nel nostro Paese. È molto stanco dopo questi anni e gli ci vorrà del tempo per ristabilirsi »

Gennadij Janaev, parlando a una conferenza stampa durante il colpo di stato contro Gorbačëv[2]. In Russia è ricordato come "mani tremanti", poiché, durante quella famosa conferenza stampa, per l'emozione non riusciva a mantenere le mani ferme[3].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine della Bandiera rossa del Lavoro (2) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera rossa del Lavoro (2)
Ordine del Distintivo d'Onore (2) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Distintivo d'Onore (2)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Notizia della morte sul Corriere della Sera
  2. ^ Online NewsHour: Russian Reaction - August 19, 1991
  3. ^ Janaev, golpe Urss ’91, un cattivo protagonista di un mancato colpo di coda della storia EuropaRussia, 27 settembre 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 156181812 LCCN: n2010063862