Genlisea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Genlisea
Genlisea violacea giant.jpg
Foglie e trappole di Genlisea violacea
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Scrophulariales
Famiglia Lentibulariaceae
Genere Genlisea
A.St.-Hil., 1883
Classificazione APG
Ordine Lamiales
Famiglia Lentibulariaceae
Specie
  • Vedi testo

Genlisea A.St.-Hil., 1883 è un genere di piante carnivore appartenente alla famiglia Lentibulariaceae. Vi appartengono circa 21 specie, uniche tra le piante ad essere specializzate nella cattura di protozoi e ad attirare le prede per chemiotassi.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Presentano un singolo stelo che porta delle foglie basali disposte a rosetta. Il fiore è di colore giallo o porpora.

Le trappole, di solito sotterranee, sono abbastanza insolite. Sono costituite da un paio di sottili tubi uniti a formare una sorta di "V" capovolta, che presentano delle scanalature disposte a spirale per tutta la loro lunghezza e che permettono l'ingresso dei protozoi del suolo. Le scanalature sono dotate di peli disposti verso l'interno che impediscono alle prede di uscire e che le spingono verso il centro del tubo. Da qui, le prede raggiungono forzatamente l'apice della "V", dove vengono digerite fornendo alla pianta i nutrienti mancanti nei suoli poveri in cui vivono.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Sono delle piante acquatiche o semi-acquatiche che vivono nelle regioni tropicali di Africa e Brasile.

Specie[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica