Genius Loves Company

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Genius Loves Company
Artista Ray Charles
Tipo album Studio
Pubblicazione 31 agosto 2004
Durata 54:03
Dischi 1
Tracce 12
Genere Rhythm and blues
Jazz
Soul
Pop
Etichetta Concord/Hear Music
Produttore John Burk, Phil Ramone
Ray Charles - cronologia
Album precedente
Strong Love Affair
(1996)
Album successivo

Genius Loves Company è un album discografico in studio pubblicato postumo dal cantante e pianista statunitense Ray Charles nell'agosto 2004 attraverso la Concord Records.

Il disco contiene diverse collaborazioni con artisti di diversa estrazione musicale ed è l'ultimo album registrato e completato da Charles prima della sua morte, avvenuta nel giugno 2004.

Nel corso dei Grammy Awards 2005, l'album si è aggiudicato un totale di 8 premi, tra cui album dell'anno, miglior album pop vocale e diversi riconoscimenti per il singolo Here We Go Again.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Here We Go Again (con Norah Jones) – 3:59 (Don Lanier, Red Steagall)
  2. Sweet Potato Pie (con James Taylor) – 3:47 (James Taylor)
  3. You Don't Know Me (con Diana Krall) – 3:55 (Eddy Arnold, Cindy Walker)
  4. Sorry Seems to Be the Hardest Word (con Elton John) – 3:59 (Elton John, Bernie Taupin)
  5. Fever (con Natalie Cole) – 3:30 (Eddie Cooley, John Davenport)
  6. Do I Ever Cross Your Mind? (con Bonnie Raitt) – 4:34 (Billy Burnette, Michael Smotherman)
  7. It Was a Very Good Year (con Willie Nelson) – 4:59 (Ervin Drake)
  8. Hey Girl (con Michael McDonald) – 5:15 (Gerry Goffin, Carole King)
  9. Sinner's Prayer (con B.B. King) – 4:25 (Lowell Fulson, Lloyd Glenn)
  10. Heaven Help Us All (con Gladys Knight) – 4:32 (Ron Miller)
  11. Over the Rainbow (con Johnny Mathis) – 4:54 (Harold Arlen, E.Y. Harburg)
  12. Crazy Love (con Van Morrison) – 3:42 (Van Morrison)

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • You Don't Know Me (18 settembre 2004)
  • Here We Go Again (2005)

Classifiche[1][modifica | modifica sorgente]

Certificazioni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ allmusic
  2. ^ riaa