Genetta johnstoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Genetta di Johnston
Immagine di Genetta johnstoni mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Laurasiatheria
Ordine Carnivora
Sottordine Feliformia
Famiglia Viverridae
Sottofamiglia Viverrinae
Genere Genetta
Specie G.johnstoni
Nomenclatura binomiale
Genetta johnstoni
Pocock, 1907
Sinonimi

G.lehmanni

La Genetta di Johnston (Genetta johnstoni Pocock, 1907) è un carnivoro della famiglia dei Viverridi diffuso nell'Africa occidentale.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Carnivoro di medie dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 400 e 520 mm, la lunghezza della coda tra 400 e 540 mm e un peso fino a 3 kg.[3]
Il colore del corpo varia dal giallo-ocra brillante al color sabbia, più pallido nelle regioni ventrali. Una striscia nerastra si estende dalle spalle fino alla base della coda. Su ogni fianco sono presenti da 5 a 6 file di macchie nerastre, con le due inferiori meno distinte ed irregolari. Gli arti sono bruno-nerastri. La coda è più lunga della testa e del corpo, è nerastra ed ha 7 anelli bianchi. L'ultimo anello scuro è più lungo e comprende la punta della coda. La pelliccia è corta e densa. Le femmine hanno un paio di mammelle pettorali.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è endemica delle foreste della Liberia, Costa d'Avorio e Ghana.

Vive nelle foreste pluviali dense in prossimità di paludi e acquitrini. Tuttavia un individuo è stato catturato nelle savane alberate della Guinea.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato che la popolazione è diminuita del 30% negli ultimi 20 anni a causa della perdita del proprio habitat, classifica G.johnstoni come specie vulnerabile (VU).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Dunham, A. & Gaubert, P. 2008, Genetta johnstoni in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Genetta johnstoni in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Kingdon, 1997

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jonathan Kingdon, The Kingdon Field Guide to African Mammals, A&C Black Publishing, London, 1997, ISBN 978-0-7136-6513-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi