Genetica ecologica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Evoluzione
CollapsedtreeLabels-simplified.svg
Meccanismi e processi

Adattamento
Deriva genetica
Equilibri punteggiati
Flusso genico
Mutazione
Radiazione adattativa
Selezione artificiale
Selezione ecologica
Selezione naturale
Selezione sessuale
Speciazione

Storia dell'evoluzionismo

Storia del pensiero evoluzionista
Lamarckismo
Charles Darwin
L'origine delle specie
Neodarwinismo
Saltazionismo
Antievoluzionismo

Campi della Biologia evolutiva

Biologia evolutiva dello sviluppo
Cladistica
Evoluzione della vita
Evoluzione molecolare
Evoluzione dei vertebrati
Evoluzione dei dinosauri
Evoluzione degli uccelli
Evoluzione dei mammiferi
Evoluzione dei cetacei
Evoluzione dei primati
Evoluzione umana
Filogenetica
Genetica delle popolazioni
Genetica ecologica

Portale Biologia · V · D · M 

La Genetica ecologica è lo studio della genetica su scala ecologica. Mentre la genetica molecolare studia la struttura e la funzione dei geni a livello molecolare, la genetica ecologica (e il relativo campo in Genetica delle popolazioni) studia popolazioni selvatiche di organismi.

Gli studi vengono spesso effettuati su insetti ed altri organismi che hanno brevi tempi di riproduzione, e perciò evolvono con ritmi elevati. Soprattutto, la ricerca in questo campo è svolta su caratteri di importanza ecologica (ad esempio il tempo di fioritura, la tolleranza alla siccità, la percentuale del sesso).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene lo studio delle popolazioni naturali fosse iniziato precedentemente, è riconosciuto che questa branca sia stata inaugurata dal britannico E.B. Ford all'inizio del XX secolo. Ecological Genetics è il titolo dell'opera principale sull'argomento (1964). Altri notevoli genetisti ecologici vi comprenderebbero anche lo studio di Theodosius Dobzhansky sui moscerini della frutta. La scuola di genetica di Ford negli anni sessanta è famosa per i suoi studi, incluso quello di Bernard Kettlewell sulla farfalla Biston betularia.

Comunque, ottenere abbastanza dati sulle popolazioni naturali è stato difficile, così come ottenere i fondi di ricerca per progetti a lungo termine in questo campo. Come risultato, i fondi furono veicolati verso la genetica molecolare. Una migliore comprensione della genetica molecolare comunque ha consentito lo sviluppo di tecniche biochimiche migliori durante gli anni ottanta e novanta che di rimando hanno consentito la possibilità di derivarne dati sulle popolazioni naturali.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ford E.B. (1964). Ecological Genetics
  • Cain A.J. and W.B. Provine (1992). Genes and ecology in history. In: R.J. Berry, T.J. Crawford and G.M. Hewitt (eds). Genes in Ecology. Blackwell Scientific: Oxford. (Fornisce una buona contestualizzazione)
Biologia Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biologia