Genesis (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Genesis
Artista Genesis
Tipo album Studio
Pubblicazione 3 ottobre 1983
Durata 45 min : 59 s
Dischi 1
Tracce 9
Genere Pop rock
Rock progressivo
Etichetta Atlantic Records (USA)
Produttore Hugh Padgham & Genesis
Certificazioni
Dischi di platino 8
Genesis - cronologia
Album precedente
(1982)
Album successivo
(1986)
Singoli
  1. Mama
    Pubblicato: 22 agosto 1983
  2. That's All
    Pubblicato: 31 ottobre 1983
  3. Illegal Alien
    Pubblicato: 23 gennaio 1984
  4. Taking It All Too Hard
    Pubblicato: Giugno 1984
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Discogs 3.76/5 stelle
All Music 3.5/5 stelle

Genesis (1983) è il dodicesimo album in studio dei Genesis.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte dei fan, così come la stessa band, fa riferimento a questo album come l'album Mama. In alcuni casi, in particolare tra le comunità online dei Genesis, è stato denominato Shapes ("forme") a causa della grafica di copertina.

Basandosi sui progressi di Abacab, Genesis (così chiamato per il fatto che tutti e tre i membri della band compaiono per la prima come unici autori su ogni canzone), è stato un ulteriore esempio dell'evoluzione dei Genesis negli anni 1980. L'album segna anche l'inizio della cooproduzione di Hugh Padgham dopo essere stato l'ingegnere del suono di Abacab.

La drum machine, utilizzata per il sorprendente effetto sul singolo Mama, fu fondamentale per l'atmosfera della canzone, ed è stata l'opportunità per l'ulteriore apertura di possibilità di scrittura all'interno della band. Una delle loro produzioni meno commerciali, Mama, una canzone su un ragazzo con l'ossessione per una prostituta, divenne la principale hit del Regno Unito, raggiungendo il quarto posto appena uscito, anche se il brano non ebbe lo stesso successo negli Stati Uniti.

Altri successi come That's All (che è diventato la prima hit della band nella US Top 10), Illegal Alien e Taking It All Too Hard (gli altri tre singoli dell'album, oltre a Home by the Sea/Second Home by the Sea, pubblicato però solo in alcune nazioni[1]) hanno assicurato al disco un caldo benvenuto, facendogli raggiungere il primo posto in classifica nella UK Albums Chart, dove vi è rimasto per 51 settimane e in Germania Ovest. Ha inoltre raggiunto il secondo posto nella Canadian Albums Chart, in Svizzera, Austria, PAesi Bassi, Norvegia e Nuova Zelanda ed il nono posto nella Billboard 200, dove ha venduto oltre quattro milioni di copie.

Tra i fan, l'album riceve generalmente un'opinione favorevole, non condivisa però dai vecchi estimatori dei Genesis progressive.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le musiche sono attribuite a Banks/Collins/Rutherford. Tra parentesi gli autori dei testi.

  1. Mama (Collins) - 6:52
  2. That's All (Collins) - 4:23
  3. Home by the Sea (Banks) - 4:53
  4. Second Home by the Sea (Banks) - 6:21
  5. Illegal Alien (Rutherford) - 5:14
  6. Taking It All Too Hard (Rutherford) - 3:58
  7. Just a Job to Do (Rutherford) - 4:45
  8. Silver Rainbow (Banks) - 4:28
  9. It's Gonna Get Better (Collins) - 5:13
  • Tony Banks: tastiere, pianoforte e voci
  • Phil Collins: voce solista, batteria e percussioni
  • Mike Rutherford: chitarre, basso e voci

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  1. Mama
  2. That's All/Home by the Sea
  3. Illegal Alien/Second Home by the Sea
  4. Taking It All Too Hard
  5. Home by the Sea/Second Home by the Sea (solo per i mercati di Paesi Bassi, Nuova Zelanda e Australasia)[1]

Tour[modifica | modifica wikitesto]

L'album venne promosso tra novembre 1983 e marzo 1984 con il tour The Mama Tour.

Scaletta[modifica | modifica wikitesto]

  1. Dodo/Lurker
  2. Abacab
  3. That's All
  4. Mama
  5. Eleventh Earl of Mar/Ripples/Squonk/Firth of Fifth medley (primo tour negli Stati Uniti)
  6. Eleventh Earl of Mar/Squonk/Firth Of Fifth medley (nei concerti del 1983)
  7. Eleventh Earl of Mar/Behind The Lines/Firth of Fifth/The Musical Box (sezione finale) medley (all'inizio del secondo tour negli Stati Uniti)
  8. Eleventh Earl of Mar/The Lamb Lies Down on Broadway/Firth of Fifth/The Musical Box (secondo tour negli Stati Uniti e tour britannico)
  9. Illegal Alien
  10. Home by the Sea/Second Home By the Sea
  11. Keep It Dark
  12. It's Gonna Get Better
  13. Follow You Follow Me
  14. In the Cage
  15. The Cinema Show (sezione finale)/Riding the Scree (citazione)/Cinema Show (continuazione)/...In That Quiet Earth/Slippermen
  16. Afterglow
  17. Drum Duet
  18. Los Endos

Encore:

  1. Misunderstanding
  2. Turn It On Again (versione estesa con un medley che includeva In the Midnight Hour, (I Can't Get No) Satisfaction, Pinball Wizard.

The Carpet Crawlers, Man On The Corner e Who Dunnit? sono state eseguite all'inizio del tour ma furono scartate quasi subito.

Componenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Home by the Sea su allmusic.com
Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo