Generale Lee (auto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Generale Lee come appariva nella serie televisiva

Il Generale Lee (General Lee) è il nome dell'automobile usata dai cugini Duke nella serie TV (1978-1985) The Dukes of Hazzard e nei successivi lungometraggi tratti o ispirati dalla serie. E' una Dodge Charger del 1969.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Si differenziava dalle normali Dodge Charger per la colorazione arancione, una bandiera degli Stati Confederati d'America (cosiddetti "sudisti") sul tetto, i numeri 01 sulle fiancate, i cerchi in lega American Racing modello Vector 8x15" o 8,5x15" (un lusso per quell'epoca dato che le auto di serie di quegli anni non erano dotate di cerchi in lega bensì di acciaio), il propulsore HEMI (altro lusso assoluto), il clacson che suonava la melodia dell'inno degli Stati Confederati d'America ed il roll-bar interno a sei attacchi come una vera auto da corsa.

Un'ulteriore, assoluta singolarità (che obiettivamente distingueva il Generale Lee dalla stragrande maggioranza delle vetture in circolazione) era data dalle porte saldate alla carrozzeria (che in realtà non lo erano), caratteristica che costringeva i cugini Duke ad entrare ed uscire dai finestrini, eseguendo una sorta di evoluzione ginnica da quadro svedese.

Nella primissima parte del film del 2005 l'automobile ha un allestimento molto differente e più simile al modello di serie: le ruote sono in acciaio, è priva del bull bar anteriore e le porte si aprono normalmente. Inoltre i numeri sulla fiancata sono scritti con un carattere più tondeggiante. Soltanto dopo un rovinoso incidente la vettura viene trasformata nel suo stato più celebre con l'aiuto dell'amico e meccanico di fiducia dei Dukes, Cooter Davenport.

La bandiera sudista che campeggiava sul tetto del Generale Lee

La targa dell'automobile era CNH 320.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Oltre al motore 426 HEMI (che è stato usato nella versione cinematografica), il 318 usato per lo più per i salti per via della leggerezza ed e il 383, potevano essere montati altri due motori:

Motore 440 Six Pack 1970 di serie
  • 8 cilindri a V di 90° , 440 C.I. (7206 cc), Alesaggio x Corsa 109,7 x 95,3mm
  • Rapporto di compressione: 10.3 : 1
  • Alimentazione : 3 carburatori doppio corpo Holley (da cui Six Pack: 3 carburatori x 2 corpi = 6 elementi)
  • Potenza max: 390 cv (SAE) 335 cv (DIN) a 4800 giri/min
  • Coppia max: 56,7 kgm (DIN) a 3200 giri/min
Motore 440 Magnum 1969 di serie
  • 8 cilindri a V di 90° , 440 C.I. (7206 cc) , Alesaggio x Corsa 109,7 x 95,3 mm
  • Rapporto di compressione: 9,7 : 1
  • Alimentazione: 1 carburatore quadricorpo Carter 650cfm
  • Potenza max: 375 cv (SAE) 284 cv (DIN) a 4700 giri/min
  • Coppia max: 51,8 kgm (DIN) a 3250 giri/min

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Poiché le puntate erano ricche di acrobazie che davano luogo ad usura precoce e danneggiamenti, l'auto vista sullo schermo televisivo non era mai la stessa della puntata precedente. Di recuperare tutte queste Dodge Charger R/T si occupavano alcuni addetti della produzione, appendendo volantini a tutti i modelli di tale auto per fare in modo che chi volesse "sbarazzarsi" della sua Charger R/T la potesse consegnare alla produzione. Le auto così recuperate venivano rimesse in sesto, equipaggiate ed aerografate: in pratica trasformate nel Generale Lee.

Durante le riprese venivano usati due tipi di Generale: la Unit 1 era quella dedicata alle riprese normali e con poche acrobazie, la Unit 2 era destinata ai salti ed alle varie scene più rischiose. Ogni salto comportava il completo rifacimento della macchina a causa dei danni conseguenti. Il cofano posteriore conteneva sempre una zavorra per bilanciare il peso del motore durante il volo; l'officina degli studios era aperta 24 ore su 24. Poteva capitare che in una sola puntata venissero sostituite anche sei-sette Charger R/T.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Per le riprese della serie TV (1979-1985) furono utilizzate circa quattrocento vetture trasformate in Generale Lee. Al termine, ne rimasero integre solo diciannove.
  • Il primo Generale Lee era targato, aveva gli interni marroni, cambio automatico e radio "baracchino" CB, antenna al centro del cofano posteriore con alla base due bandiere adesive: una degli stati confederati ed una a scacchi.
  • Il nome dell'auto di Bo e Luke è un omaggio al Generale Robert Edward Lee dell'esercito confederato; in origine il mezzo doveva chiamarsi Traveller, come il cavallo del generale e come l'auto del noto contrabbandiere d'alcool Jerry Rushing; nella prima puntata, scendendo dall'auto, i Duke dicono che farà piacere al Generale Jackson rivedere il suo braccio destro, alludendo al fatto che i due comandanti sudisti combatterono insieme nella battaglia di Chancellorsville.
  • Un'auto molto simile al Generale Lee (ma denominata per ragioni di copyright "Hunter Cavalry Bootlegger") è presente nel DLC del videogioco Burnout Paradise.
  • In una parte del videogioco Stuntman: Ignition, in cui viene interpretata una parodia del famoso telefilm, compare un'auto, probabilmente anch'essa una Dodge Charger, che è chiamata "Generale Stewart".
  • Un'altra auto simile al Generale Lee compare in Supercar, nell'episodio Energia alternativa.
  • Nel videogioco Grand Theft Auto V si può ascoltare su una delle radio il brano "General Lee" di Johnny Cash, è inoltre possibile apportare modifiche alle auto presenti nel gioco dotando queste di un clacson musicale identico a quello del Generale Lee.
  • Nel film del 2005 i Dukes, durante una visita ad Atlanta, vengono coinvolti in una disputa (seppur in toni leggeri da commedia), da parte di persone di diverse etnie oltre che da una banda di teppisti, a causa della bandiera confederata dipinta sul tetto della loro auto. Negli Stati Uniti infatti, fin dalla fine della guerra di secessione è spesso identificata come simbolo di razzismo e schiavitù[1]. I due protagonisti, mai discriminanti verso le persone di colore, appaiono ingenuamente ignari del motivo del avversione verso di loro. Il tema non era mai stato affrontato nella serie televisiva.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ USA 2000: MCCAIN, LA BANDIERA SUDISTA SIMBOLO DI RAZZISMO. URL consultato il 13 settembre 2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]