Genealogie deorum gentilium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Boccaccio
Genealogie deorum gentilium
Giovanni Boccaccio - Imagines philologorum.jpg
incisione ritraente Boccaccio da giovane
Autore Giovanni Boccaccio
1ª ed. originale 1360
Genere trattato
Lingua originale latino

Le Genealogie deorum gentilium sono un'opera di Giovanni Boccaccio, scritta in latino, come raccolta enciclopedica in 15 libri, in cui sono interpretati allegoricamente molti miti delle divinità pagane. Nel trattato si cerca di mettere ordine sui rapporti familiari aggrovigliati tra le divinità del classico pantheon dell'antica Grecia e di Roma.

Nella Prefazione l'autore asserisce di aver intrapreso il progetto su richiesta di Ugo IV di Cipro. La prima versione è stata completata nel 1360, ma successivamente Boccaccio ha continuamente corretto e rivisto il lavoro fino alla sua morte nel 1374. La prima edizione a stampa è del 1472 (Venezia, Vindelino da Spira), ma il successo dell'opera è legato soprattutto alla traduzione in volgare di Giuseppe Betussi, pubblicata la prima volta nel 1547 (Venezia, Comin da Trino) e più volte ristampata [1].

Mentre Boccaccio era vivo e anche nei due secoli successivi era diffusa l'opinione che la sua opera principale e quella da cui avrebbe tratto fama fossero le Genealogie deorum gentilium, mentre le opere in volgare erano trascurate.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Letteratura italiana. Dizionario delle opere, Torino, Einaudi, 1999, ad vocem
  2. ^ Bull, in Encyclopædia Britannica p.22

Testo[modifica | modifica sorgente]

wikisource in latino