Gazella saudiya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gazzella saudita[1]
Immagine di Gazella saudiya mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EX it.svg
Estinto [2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Bovidae
Sottofamiglia Antilopinae
Genere Gazella
Specie G. saudiya
Nomenclatura binomiale
Gazella saudiya
Carruthers e Schwartz, 1935
Sinonimi
Gazella dorcas saudiya
Carruthers e Schwartz, 1935

La gazzella saudita (Gazella saudiya Carruthers e Schwartz, 1935) è una specie estinta di gazzella che in passato viveva nella Penisola Arabica. La sua scomparsa va attribuita alla caccia cui fu sottoposta dagli abitanti locali[2]. È stata dichiarata estinta nel 2008, ma probabilmente è scomparsa prima di tale data.

Un tempo la gazzella saudita viveva nelle distese ghiaiose e sabbiose, ove fossero presenti alberi di acacia, delle regioni settentrionali e occidentali della Penisola Arabica, dal Kuwait allo Yemen, ma la maggior parte degli avvistamenti venne effettuata nelle regioni occidentali dell'Arabia Saudita. Viveva da sola o in gruppi che potevano essere composti anche da 20 esemplari[2].

In passato la gazzella saudita era considerata una semplice sottospecie della gazzella dorcade, ed è proprio per questo motivo che il suo declino e la sua scomparsa sono passati quasi inosservati agli occhi dei conservazionisti. Recenti studi genetici, però, hanno dimostrato la sua appartenenza a una specie separata. Oltre a essere diversa geneticamente, la gazzella saudita aveva zampe più corte della gazzella dorcade, e una colorazione più chiara[3].

Questa specie è sempre stata rara, ma a causa della caccia eccessiva il suo numero è crollato drasticamente. Non essendo più stata avvistata da vari decenni, nel 1980 venne dichiarata estinta in natura. Recenti analisi genetiche effettuate su tutti i presunti esemplari di G. saudiya allevati in cattività hanno dimostrato che tali individui appartengono a specie diverse o sono ibridi[2][4]. Ancora oggi vengono compiute ispezioni per verificare la presenza di gazzelle saudite pure in allevamenti privati e in natura, ma finora le ricerche sono state inutili. La gazzella saudita è stata ufficialmente dichiarata estinta dalla IUCN nel 2008.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Gazella saudiya in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ a b c d (EN) IUCN SSC Antelope Specialist Group 2008, Gazella saudiya in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  3. ^ The Extinction Website - Species Info - Saudi Gazelle
  4. ^ Hammond, Robert L., Macasero, William, Flores, Benito, Mohammed, Osama B., Wacher, Tim & Bruford, Michael W. (2001). Phylogenetic Reanalysis of the Saudi Gazelle and Its Implications for Conservation. Conservation Biology 15 (4), 1123-1133.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi