Gatto tartarugato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gatto tartarugato
Long-haired tortoiseshell DSCF0193.JPG
Un gatto tartarugato

Il nome gatto Tartarugato deriva dal termine inglese Tortoiseshell (a guscio di Tartaruga), e viene utilizzato per indicare i gatti in cui il pelo è colorato a chiazze arancioni, crema, cioccolato o nere e striate.

Responsabile della colorazione a guscio di tartaruga è l'allele O, variante del gene recessivo o, che consente la conversione della eumelanina in feomelanina, la quale determina il colore rosso del pelo. Questo allele è presente solo nel cromosoma X, quindi un gatto maschio può essere portatore solo di un genotipo XOY (gatto rosso) o XoY (gatto nero), mentre la femmina può avere un genotipo XOXO (gatta rossa), XoXo (gatta nera) o XOXo, che dà origine alla colorazione a guscio di tartaruga. Questa colorazione "a macchie" si deve ad un fenomeno di mosaicismo delle cellule epiteliali dell'animale: in maniera casuale uno dei due cromosomi X contenente il gene per il colore viene "silenziato" mediante il meccanismo di inattivazione del cromosoma X o lyonizzazione in quanto l'espressione dei geni contenuti in entrambi risulterebbe troppo elevata (sovraespressione); la selezione casuale avviene cellula per cellula in maniera indipendente, questo comporta quindi la presenza di macchie a colore rosso e di macchie a colore nero.

In Gran Bretagna e America del Nord esistono definizioni specifiche per i gatti tartarugati il cui pelo presenta una predominanza di bianco con macchie rosse e marroni: in Gran Bretagna sono detti tartarugati e bianchi (tortoiseshell-and-white), mentre in America del Nord gli stessi gatti sono detti Calico. La denominazione tartarugato viene perciò intesa per tutti gli altri gatti in cui il bianco è quasi assente; in Italia, invece, non esiste questa differenza.

Questa denominazione non indica una razza ma solamente una varietà di colore del pelo dell'animale, infatti può apparire in razze differenti così come in gatti non di razza.

Pelo[modifica | modifica sorgente]

I gatti tartarugati hanno un pelo a chiazze rosse, rossastre, marroni o nere, color cioccolato e crema. La dimensione delle chiazze può variare, si va da piccole macchie screziate a larghe aree di colore pieno. Se un gatto ha un vello di colore bianco facilmente anche le aree di colore pieno saranno maggiori. Alcuni geni possono modificare la colorazione diluendo un colore pieno, schiarendolo e modificando il pelo in una miscela di crema, blu, fulvo e lilla. Solitamente i disegni sono asimmetrici, e in alcuni casi possono essere tigrati (alla maniera di un Gatto soriano), oppure punteggiati.

Anatomia[modifica | modifica sorgente]

Il pelo di un tartarugato contiene sia Feomelanina che Eumelanina, che fanno parte del gruppo delle melanine e sono responsabili rispettivamente delle pigmentazioni: rossa/rossastra e nera/marrone scuro. Quando domina una delle due melanine il pelo del gatto avrà un colore di base più fulvo o più nero.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

gatti Portale Gatti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di gatti