Gastone d'Orléans (1608-1660)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gastone di Borbone
Ritratto di Gastone di Francia,1632 o 1634, di Antoon van Dyck.
Ritratto di Gastone di Francia,
1632 o 1634, di Antoon van Dyck.
Duca d'Orléans
Stemma
In carica 6 agosto 1626 - 2 febbraio 1660
Predecessore Nicola Enrico
Successore Filippo I
Nome completo Gaston Jean-Baptiste de France
Trattamento Sua Altezza Reale
Nascita Castello di Fontainebleau, Francia, 25 aprile 1608
Morte Castello di Blois, Francia, 2 febbraio 1660
Luogo di sepoltura Basilica Reale, Saint-Denis
Dinastia Borbone di Francia
Padre Enrico IV di Francia
Madre Maria de' Medici
Coniugi Maria di Borbone-Montpensier
Margherita di Lorena
Figli Anna Maria Luisa
Margherita Luisa
Elisabetta
Francesca Maddalena
Gian Gastone
Maria Anna
Religione Cattolica
Firma Signature of Gaston of France, Duke of Orléans at the marriage of the Duke of Enghien and Claire Clémence de Maillé on 7 February 1641.jpg

Gastone di Francia (in francese Gaston Jean-Baptiste de France; Fontainebleau, 25 aprile 1608Blois, 2 febbraio 1660) anche conosciuto come Gaston d'Orléans, fu il terzo figlio maschio del re di Francia e di Navarra, Enrico IV, e di Maria de' Medici. Fu Duca d'Orléans. In quanto figlio maschio di un re, era chiamato Fils de France. In quanto maggiore tra i fratelli sopravvissuti di Luigi XIII, era conosciuto a corte con il titolo onorifico di Monsieur.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

L'Infanzia[modifica | modifica sorgente]

Gastone di Francia nacque al Castello di Fontainebleau ed alla nascita gli fu dato il titolo di duca d'Angiò. Nel 1626 durante il periodo del suo matrimonio con la giovane duchessa di Montpensier Gastone ricevette in appanaggio (con i suoi rispettivi titoli) i ducati d'Orléans e Chartres e la contea di Blois. Divenne il primo pretendente al trono in caso di decesso del re e questa sua posizione rimase tale per un quarto di secolo, fino alla nascita del futuro Luigi XIV, avvenuta nel 1638. Per questo veniva spesso strumentalizzato dalla nobiltà ambiziosa e coinvolto nelle rivolte contro la politica accentratrice prima del cardinale Richelieu e poi del Mazarino.

I Matrimoni[modifica | modifica sorgente]

Nel 1626 sposò Maria di Borbone, duchessa di Montpensier (16051627, detta anche Mademoiselle de Montpensier, una delle più ricche ereditiere di Francia, e sua lontana cugina); il matrimonio fu celebrato dopo che Gastone ebbe partecipato ad una congiura, quella detta di Chalais, nata per impedire proprio questo matrimonio voluto da Richelieu e dal re suo fratello, che lo perdonò per questo misfatto. Dal matrimonio nacque Anna Maria Luisa d'Orléans, duchessa di Montpensier, detta successivamente Grande Mademoiselle, che giocherà un ruolo importante nelle vicende del padre durante la seconda Fronda.

Nel 1628 Gastone assunse il comando nominale dell’esercito nell’assedio della fortezza protestante di La Rochelle.

Stemma

Nel 1630 prese parte alla fallita rivolta contro Richelieu, ordita dalla stessa madre di Gastone, la regina-madre Maria de' Medici, e dal cosiddetto partito dei devoti (parti dévot) e culminata nella giornata degl'ingannati (11 novembre). Successivamente fece appello all'insurrezione armata contro lo stesso cardinale ed indirettamente contro la corona di Francia, ma dopo che nel 1632 uno dei più importanti promotori dell'insurrezione, il duca di Montmorency, fu sconfitto con le sue truppe a Castelnaudary e preso prigioniero, Gastone lasciò la Francia e trovò rifugio alla corte del duca Carlo IV di Lorena, che come feudatario ed alleato dell’Imperatore era in guerra contro la Francia. Qui sposò, senza il consenso del fratello Luigi XIII, la sorella del duca, Margherita di Lorena-Vaudémont (1615 – 1672). Nel 1634 stipulò un accordo segreto con la Spagna, anch’essa in guerra contro la Francia. Tuttavia si riconciliò poco dopo con il fratello e rientrò in Francia. Nel 1642 fallì la congiura del marchese di Cinq-Mars, che aveva cercato, dopo la morte del Richelieu, di far diventare Gastone luogotenente del regno.

Regno di Francia
Borbone di Francia

Grand Royal Coat of Arms of France & Navarre.svg

Enrico IV (1589-1610)
Luigi XIII (1610 - 1643)
Luigi XIV (1643 - 1715)
Figli

Legittimati

Luigi XV (1715 - 1774)
Luigi XVI (1774 - 1792)
Luigi XVII de jure
Luigi XVIII (1814 - 1824)
Carlo X (1824 - 1830)

Riconciliatosi con il fratello prima della morte di quest'ultimo, divenne luogotenente del regno alla sua morte, carica che il cardinal Mazzarino gli fece conferire affinché non si opponesse alla reggenza di Anna d'Austria, madre del Delfino, il futuro Luigi XIV, che alla morte di Luigi XIII aveva solo quattro anni d'età.

Nel 1644 Gastone condusse con successo una campagna militare nel nord occupando gran parte delle Fiandre nei possedimenti spagnoli dei Paesi Bassi.

Nel 1648 all'inizio della Fronda Gastone oscillò fra le due parti in lotta: Parlamento di Parigi ed alta nobiltà contro il Mazzarino.

Dopo la vittoria del Mazzarino nel 1652, Gastone fu bandito da Parigi ed esiliato a Blois ove dovette rimanere fino alla sua morte. Fu sepolto nella basilica di Saint-Denis. Poiché morì senza eredi maschi lasciò in eredità il ducato d’Orléans ed il relativo titolo al nipote Filippo, che assunse il nome di Filippo I d'Orléans, divenendo così il capostipite della quarta dinastia degli Orléans.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Da Maria di Montpensier ebbe una figlia:

Da Margherita di Lorena ebbe cinque figli:


Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Albero genealogico di tre generazioni di Gastone di Francia
Gastone di Francia Padre:
Enrico IV di Francia
Nonno paterno:
Antonio di Borbone-Vendôme
Bisnonno paterno:
Carlo IV di Borbone-Vendôme
Bisnonna paterna:
Francesca d'Alençon
Nonna paterna:
Giovanna III di Navarra
Bisnonno paterno:
Enrico II di Navarra
Bisnonna paterna:
Margherita d'Angoulême
Madre:
Maria de' Medici
Nonno materno:
Francesco I de' Medici
Bisnonno materno:
Cosimo I de' Medici
Bisnonna materna:
Eleonora di Toledo
Nonna materna:
Giovanna d'Austria
Bisnonno materno:
Ferdinando I d'Asburgo
Bisnonna materna:
Anna Jagellone

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine dello Spirito Santo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dello Spirito Santo

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • John B. Wolf, Luigi XIV, Milano, Garzanti, 1981

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Duca di Orléans Successore Coat of arms of Gaston, Duke of Orléans.png
Nicola Enrico di Borbone-Francia 1626 - 1660 Filippo I

Controllo di autorità VIAF: 54301649 LCCN: n87921603