Gasdinamica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Gasdinamica è una branca della fluidodinamica che si occupa dello studio dei moti gassosi e dei suoi effetti con i sistemi fisici, basandosi sui principi della meccanica dei fluidi e della termodinamica. Tale disciplina sorge dalla necessità dello studio dei flussi gassosi, spesso all'interno o nelle vicinanze di corpi, specialmente a velocità comparabili con la velocità del suono o oltre, ed a volte con significative modifiche di gas ed oggetti.[1] Alcuni esempi di tali studi includono (ma non si limitano) fenomeni di flussi soffocati in ugelli di scarico e valvole, onde d'urto di aereo a reazione, riscaldamento aerodinamico, rientro atmosferico, flusso di Rayleigh in motori a reazione. A livello molecolare, la gasdinamica è lo studio della teoria cinetica dei gas, che spesso conduce a studi di diffusione molecolare, meccanica statistica, termodinamica chimica e termodinamica del non equilibrio[2]. La gasdinamica è sinonimo di aerodinamica quando il gas considerato è l'aria e l'oggetto di studio è il volo. La gasdinamica è molto utilizzata in fase di progettazione di veicoli aerei e veicoli spaziali e dei rispettivi sistemi di propulsione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ethirajan Rathakrishnan, Gas Dynamics, Prentice Hall of India Pvt. Ltd, 2006, ISBN 8-120-30952-9.
  2. ^ Walter G. Vincenti, Kruger, Charles H., Jr., Introduction to Physical Gas Dynamics, Krieger publishing company [1965], 2002, ISBN 0-88275-309-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]