García Álvarez de Toledo y Carrillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
García Álvarez de Toledo y Carrillo
FirstDukeofAlbadetormes.jpg
Duca d'Alba
In carica 1472 –
1488
Successore Fadrique Álvarez de Toledo y Enríquez
Altri titoli marchese di Coria
conte di Salvatierra de Tormes
Nascita 1424
Morte 20 giugno 1488
Padre Hernando Álvarez de Toledo
Madre Mencía Carrillo de Toledo y Palomeque
Consorte María Enríquez de Quiñones y Cossines

García Álvarez de Toledo y Carrillo (142420 giugno 1488) è stato un nobile e ufficiale spagnolo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Primogenito di Hernando Álvarez de Toledo, conte d'Alba de Tormes, e di Mencía Carrillo de Toledo y Palomeque, signora di Bercimuelle.

Nel 1472 il re Enrico IV di Castiglia elevò la contea di Alba de Tormes a ducato ereditario, rendendo García de Toledo il primo duca d'Alba.

Fedelissimo a Isabella di Castiglia, la sostenne nella Guerra di successione castigliana contro sua nipote Giovanna la Beltraneja. Come premio per il suo appoggio ottenne dalla regina Isabella una licenzia per la tratta degli schiavi e dell'oro nella costa occidentale africana di Guinea.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Nel 1448 sposò María Enríquez de Quiñones y Cossines, figlia di Fadrique Enríquez e di Teresa Fernández de Quiñones[1]. Ebbero nove figli:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il 20 aprile 1447 il papa Niccolò V concesse la facoltà al vescovo Valentino per erogare il 3 ° e 4 ° grado di consanguineità nel matrimonio di García Álvarez de Toledo y María Enríquez