Ganondorf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ganondorf
Ganondorf in The Legend of Zelda: Twilight Princess
Ganondorf in The Legend of Zelda: Twilight Princess
Universo The Legend of Zelda
Nome orig. ガノンドロフ (Ganondorofu)
Lingua orig. Giapponese
Autore Shigeru Miyamoto
1ª app. 1986
1ª app. in The Legend of Zelda
Voci orig.
Voce italiana Orlando Mezzabotta (Un regno incantato per Zelda)
Sesso Maschio
Abilità
Parenti Kotake & Koume

Ganondorf (ガノンドロフ Ganondorofu?) o Ganon, è il principale personaggio antagonista nei videogiochi della serie The Legend of Zelda. Appare in quasi tutti gli episodi dell'epopea videoludica, nei quali è alla costante ricerca del potere per conquistare il regno di Hyrule. Ganondorf è anche un personaggio sbloccabile in Super Smash Bros. Melee , Super Smash Bros. Brawl e Super Smash Bros. per Nintendo 3DS e Wii U, nei quali usa lo stesso stile di combattimento di Capitan Falcon anche se più lento e potente.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo capitolo della saga Ganon, signore dei Moblin, si trova nella Montagna della Morte e tiene imprigionata la Principessa Zelda. Egli appare come un demone dalle sembianze suine e, grazie al potere della Triforza, è in grado di rendersi invisibile e di lanciare palle di fuoco. Link, eroe della serie di Zelda, lo sconfigge riducendolo a un mucchio di cenere e recupera la Triforza.

In Zelda II: The Adventure of Link egli non appare nel gioco, ma i suoi servi vogliono farlo rivivere spargendo sulle sue ceneri il sangue di Link. Pertanto, se questi riescono a uccidere Link, appare sulla schermata di game over la silouette di Ganon e si ode il suo ghigno malefico.

In A Link to the Past si narra per la prima volta la sua storia, nella quale viene rivelato che egli non era sempre stato un demone suiniforme. Un tempo era un umano di nome Ganondorf, nonché capo di una banda di ladri. In questo episodio usa il mago Agahnim per tornare nel Mondo di Luce dopo essere stato imprigionato dai sette saggi nel Mondo Oscuro secoli prima. Qui Ganon è raffigurato come un perfido mostro suino di colore blu che fa roteare un tridente, sputa fuoco e indossa un mantello rosso.

Ganondorf in Ocarina of Time

In Ocarina of Time Ganondorf è inizialmente conosciuto come re e unico maschio del popolo Gerudo. Viene a sapere della Triforza e subito desidera conquistarla. Per farlo avrebbe dovuto possedere le tre pietre sacre che gli avrebbero permesso il libero accesso al Sacro Reame. Dopodiché, avrebbe ucciso il re e sarebbe diventato il nuovo re incontrastato di Hyrule. Dopo che Link viaggiò nel tempo, ebbe l'opportunità di mettere le mani sulla triforza, ma essa si divise in tre parti a causa dell'incompatibilità col malvagio cuore di Ganondorf. Egli ricevette la Triforza del Potere, Link quella del Coraggio e Zelda quella della Saggezza. Alla fine dell'avventura, Link affronta Ganondorf con la Spada Suprema e le Frecce di Luce. Dopo essere stato sconfitto, Ganondorf distrugge il suo castello, e sfruttando il potere della Triforza cambia forma, diventando Ganon, la sua forma animale. Link sconfigge Ganon con la Spada Suprema.

In The Wind Waker, Ganondorf ordina ai suoi servi di rapire tutte le ragazze con le orecchie a punta, per risalire a Zelda. Aril, la piccola sorellina di Link viene quindi rapita. Il vero piano di Ganon era quello di rapire Link e Zelda per ottenere i due pezzi di Triforza mancanti che si sarebbero aggiunti al suo pezzo del Potere. Link e Zelda combattono contro di lui, eliminandolo definitivamente impalando la Spada Suprema sulla sua testa e trasformandolo in roccia.

In Twilight Princess, durante la sua stessa esecuzione Ganondorf riesce a uccidere uno dei Sette Saggi grazie al potere della Triforza, ma essi riescono a rinchiuderlo nel Regno del Crepuscolo grazie allo Specchio Oscuro. Qui, Ganondorf appare come un semi-dio incorporeo al malvagio Zant, proponendogli di aiutarlo a conquistare il regno della luce, Hyrule. Viene infine ucciso da Link, il quale lo trafigge con la lama leggendaria in pieno petto.

Appare inoltre nei titoli Four Swords Adventures e Oracle of Seasons.

In Skyward Sword non viene citato, ma si fa luce sulle sue origini nel finale. Infatti Ganondorf nascerebbe dall'incarnazione dell'odio di Mortipher (il boss finale) verso Zelda e Link, scagliando un'eterna maledizione che fa sì che tutti coloro che avranno lo stesso spirito dell'impavido (Link) e lo stesso sangue della Dea (Zelda) saranno perseguitati dalla reincarnazione della sua rabbia e del suo rancore (Ganondorf, appunto).[1]

Character design[modifica | modifica wikitesto]

Ganondorf originariamente aveva l'appellativo di "Hakkai" durante lo sviluppo del primo capitolo per Nintendo Entertainment System, in riferimento al maiale umanoide, Zhu Bajie (Cho Hakkai in giapponese), del celebre racconto cinese Lo scimmiotto, del XVI secolo. Durante lo sviluppo di Ocarina of Time, il design di Ganon è stato sviluppato da Satoru Takizawa, che l'aveva concepito come un "ladrone gobbo e complesso, che fosse sostanzialmente un vero e proprio essere umano abominevole". Il direttore di script, Toru Osawa, ritenne che non fosse opportuno. Egli spiegò come Ganondorf dovesse avere alcuni attributi prestanti, comparandolo al personaggio di Raoh di Ken il Guerriero. Con quest'idea in mente, Takizawa creò un modello prototipo di Ganondorf basato sull'attore Christopher Lambert. Il risultato attuale di Ganondorf è estremamente diverso. Esso è composto di tre design differenti: un Ganondorf iniziale; un Ganondorf di sette anni nel futuro coi capelli lunghi; e un Ganon finale. Dal momento che Ganon era una creatura suina, Takizawa decise che Ganondorf dovesse trasformarsi soltanto alla fine del gioco, nonostante le opinioni degli altri membri dello staff. Decise di rendere Ganon una bestia "con i sensi di un maiale", proprio come in A Link to the Past.

Ganon ha due forme fondamentali in cui appare durante la serie: una antropomorfa e una bestiale. In The legend of Zelda, A Link to the Past, Oracle of Seasons, Oracle of Ages e Four Swords Adventures, è un maiale bipede dalla carnagione bluastra armato di tridente. In Ocarina of Time ha piuttosto la corporatura di un enorme Minotauro e impugna due lunghissimi coltelli. Questo gioco sancisce la prima apparizione della sua forma umana: un Gerudo in armatura con una scura carnagione olivastra e capelli rossi. I tratti caratteristici di questa forma umanoide sono una muscolatura e un fisico possenti, canini accentuati, occhi gialli, un naso estremamente lungo e foltissime sopracciglia che si collegano alla capigliatura. Ganondorf è alto 230 cm, e sovrasta Link e tutti gli altri personaggi. La sua forma umana riappare in The Wind Waker: qui indossa una tunica e impugna due scimitarre. In Twilight Princess ha un'armatura in metallo più pesante e impugna uno spadone medievale con una sola mano.

Il nome "Ganon" è pronunciato poche volte durante la serie. Nella versione giapponese dei primi tre videogiochi, il suo nome è anglicizzato in "Gannon". Questa scrittura appare in sole due versioni occidentali: il primo gioco, e il non-ufficiale Zelda's Adventure. Da The Adventure of Link in poi, il nome è trascritto "Ganon". In A Link to the Past si fa per la prima volta riferimento al nome Ganondorf, caratteristico della sua forma umana. Nel trailer live-action prodotto dalla Rainfall films, Ganondorf è interpretato da Gregory Lee Kenyon. Ci vollero cinque ore per completare il suo trucco, composto principalmente da varie protesi in lattice, parrucca, barba e sopracciglia.

Altre apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Al di fuori dei videogiochi, Ganondorf appare anche nella serie animata dedicata alla serie, Un regno incantato per Zelda, ma solo nel suo aspetto suino; inoltre appare anche in un episodio di South Park intitolato "Immaginationland III", come membro dell'esercito dei personaggi immaginari cattivi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Legend of Zelda Skyward Sword (ita) Finale + Boss Mortipher - YouTube

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Nintendo Portale Nintendo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Nintendo