Ganoderma lucidum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ganoderma lucidum
Ganoderma lucidum 01.jpg
Ganoderma lucidum
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Polyporales
Famiglia Ganodermataceae
Genere Ganoderma
Specie G. lucidum
Nomenclatura binomiale
Ganoderma lucidum
(Curtis) P. Karst.
Caratteristiche morfologiche
Ganoderma lucidum
Cappello no disegno.png
Cappello no
Pores icon.png
Imenio pori
No gills icon.svg
Lamelle no
Brown spore print icon.png
Sporata marrone
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Parasitic ecology icon.png
Parassita
Nofoodlogo.svg
Non commestibile

Ganoderma lucidum (Curtis) P. Karst., Revue mycol., Toulouse 3(no. 9): 17 (1881).[1], è un fungo parassita oppure saprofita che predilige il legno di quercia o castagno; è conosciuto in Cina per le sue proprietà officinali, in quanto, secondo alcuni, conterrebbe principi attivi in grado di regolare il livello di colesterolo, la glicemia e di agire positivamente sull'aritmia cardiaca.[2]

In Cina è conosciuto col nome di Ling zhi mentre in Giappone con l'appellativo di Reishi.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

Del diametro fino a 15 cm, circolare, reniforme o a ventaglio, con gambo verticale od obliquo, superficie lucida-laccata oppure opaca in età molto avanzata, color bruno-rossastra, con orlo del cappello giallastro, spesso con striature concentriche che gli conferiscono un aspetto zonato.

Tubuli[modifica | modifica wikitesto]

Corti, alti 10-20 mm, bianchi e poi giallastri.

Pori[modifica | modifica wikitesto]

Piccoli, con diametro di 0,2-0,3 mm, in numero di 4-5 per mm, rotondi-irregolari, bianco-giallastri.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

Quasi sempre eccentrico, concolore al cappello o più scuro, di dimensione variabile 15-30 cm, noduloso, lucido, raramente assente.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Elastica, poi coriacea, legnosa ma non troppo, quasi rugginosa.

  • Odore: leggero, gradevole, di tannino.
  • Sapore: legnoso, tanninico.

In età avanzata può essere soggetto all'attacco di tarli che lo riducono praticamente in polvere.

Pori in dettaglio

Microscopia[modifica | modifica wikitesto]

Spore
Brunastre in massa, ovoidali, con l'apice tronco, verrucose, 9-11,5 x 6-9 µm.
Basidi
claviformi, tetrasporici.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Fungo saprofita, cresce in primavera inoltrata, estate ed autunno, su ceppi di latifoglie specialmente di quercia e di castagno, talvolta anche di olivo.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Non commestibile, in quanto estremamente legnoso.

Biochimica[modifica | modifica wikitesto]

Acido ganoderico A, molecola isolata dal G. lucidum

Il G. lucidum produce un gruppo di triterpeni chiamati acidi ganoderici, che hanno una struttura molecolare simile agli ormoni steroidi.[3] e contiene altri composti presenti spesso nei funghi, quali polisaccaridi (β-glucano), cumarina[4], mannitolo e alcaloidi.[3]

Medicina[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

In Cina ed in Giappone viene coltivato sin dall'antichità, essiccato e poi ridotto in polvere; è adoperato per la preparazione di decotti, unguenti, liquori oppure viene semplicemente trasformato in compresse; secondo la tradizione, possiederebbe proprietà officinali[2].

Alcuni studi in vitro hanno evidenziato, preliminarmente, un possibile ruolo anti-infiammatorio e di tipo citotossico oncologico dei triterpeni isolati dallo stesso[5][6] [7]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal latino lucidum, lucido, per il suo aspetto lucido, brillante, quasi laccato.

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

  • Agarico-igniarium trulla Paulet, Traité Champ., Atlas 2: 95 (1793)
  • Agaricus lignosus Lam., Encyclopédie Méthodique Botanique (Paris) 1: 51 (1783)
  • Agaricus pseudoboletus Jacq., Misc. Austriaca: 26, t. 41 (1778)
  • Boletus castaneus Weber, Suppl. Fl. hols.: 13 (1787)
  • Boletus crustatus J.J. Planer, Ind. Pl. erfurt. Fung. add.: 23 (1788)
  • Boletus dimidiatus Thunb., Flora japonica (1784)
  • Boletus flabelliformis Leyss., Florae halensis: 219 (1761)
  • Boletus laccatus Timm, Fl. Megapol. Prodr.: 269 (1788)
  • Boletus lucidus Curtis, Fl. Londin.: 72 (1781)
  • Boletus rugosus Jacq., Fl. austriac. 2: 44 (1774)
  • Boletus verniceus Brot., Fl. lusit. 2: 468 (1804)
  • Boletus vernicosus Bergeret, (1783)
  • Fomes japonicus (Fr.) Sacc., Sylloge fungorum (Abellini) 6: 156 (1888)
  • Fomes lucidus (Curtis) Cooke, Nov. Symb. Myc.: 61 (1851)
  • Ganoderma japonicum (Fr.) Sawada, Rep. Govt Res. Inst. Dep. Agric. Formosa 51: 76 (1931)
  • Ganoderma mongolicum Pilát, Annales Mycologici 68: 78 (1940)
  • Ganoderma nitens Lázaro Ibiza, Revta R. Acad. Cienc. exact. fis. nat. Madr. 14: 104 (1916)
  • Ganoderma ostreatum Lázaro Ibiza, Revta R. Acad. Cienc. exact. fis. nat. Madr. 14: 110 (1916)
  • Ganoderma pseudoboletus (Jacq.) Murrill, Bull. Torrey bot. Club 29: 602 (1902)
  • Grifola lucida (Curtis) Gray, A Natural Arrangement of British Plants (London) 1: 644 (1821)
  • Phaeoporus lucidus (Curtis) J. Schröt., Kryptogamenflora der Schweiz 3: 491 (1888) [1889]
  • Placodes lucidus (Curtis) Quél., Fl. mycol. (Paris): 399 (1888)
  • Polyporus japonicus Fr., Epicrisis systematis mycologici (Uppsala): 442 (1838) [1836]
  • Polyporus laccatus (Timm) Pers., Mycol. eur., Section 1 (Erlanga) 2: 54 (1825)
  • Polyporus lucidus (Curtis) Fr., Systema mycologicum (Lundae) 1: 353 (1821)
  • Scindalma japonicum (Fr.) Kuntze, Revis. gen. pl. (Leipzig) 3: 518 (1898)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ganoderma lucidum in Index Fungorum, CABI Bioscience.
  2. ^ a b Wachtel-Galor S, Yuen J, Buswell JA, Benzie IFF, 9. Ganoderma lucidum (Lingzhi or Reishi): A Medicinal Mushroom in Herbal Medicine: Biomolecular and Clinical Aspects., 2ª, Boca Raton (FL), CRC Press, 2011, ISBN 978-1-4398-0713-2.
  3. ^ a b Paterson RR, Ganoderma – a therapeutic fungal biofactory in Phytochemistry, vol. 67, nº 18, 2006, pp. 1985-2001, DOI:10.1002/chin.200650268, PMID 16905165.
  4. ^ Biosci.Biotechnol.Biochem.,68(4),881–887,2004
  5. ^ (EN) Dudhgaonkar S, Thyagarajan A, Sliva D., Suppression of the inflammatory response by triterpenes isolated from the mushroom Ganoderma lucidum in Int Immunopharmacol., vol. 9, nº 11, ottobre 2009, pp. 1272-80, PMID 19651243.
  6. ^ Thyagarajan A, Jedinak A, Nguyen H, Terry C, Baldridge LA, Jiang J, Sliva D., Triterpenes from Ganoderma Lucidum induce autophagy in colon cancer through the inhibition of p38 mitogen-activated kinase (p38 MAPK) in Nutr Cancer., vol. 62, nº 5, 2010, pp. 630-640, PMID 20574924.
  7. ^ (EN) Sliva D, Loganathan J, Jiang J, Jedinak A, Lamb JG, Terry C, Baldridge LA, Adamec J, Sandusky GE, Dudhgaonkar S., Mushroom Ganoderma lucidum Prevents Colitis-Associated Carcinogenesis in Mice in PLoS One, vol. 7, nº 10, 2012, DOI:10.1371/journal.pone.0047873, PMC PMC3484149.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Riccardo Mazza, I Funghi, Sonzogno, 2000, ISBN 88-454-0991-0.
  • Carlo Papetti, Giovanni Consiglio e Giampaolo Simonini (a cura di), Atlante fotografico dei Funghi d'Italia Vol.I, Associazione Micologica Bresadola, 1999.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia