Gand-Wevelgem 2012

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Belgio Gand-Wevelgem 2012
Edizione 74ª
Data 25 marzo
Partenza Deinze
Arrivo Wevelgem
Percorso 235,4 km
Tempo 5h32'44"
Media 42,448 km/h
Valida per UCI World Tour 2012
Ordine d'arrivo
Primo Belgio Tom Boonen
Secondo Slovacchia Peter Sagan
Terzo Danimarca Matti Breschel
Cronologia
Edizione precedente
Gand-Wevelgem 2011
Edizione successiva
Gand-Wevelgem 2013

La Gand-Wevelgem 2012, settantaquattresima edizione della corsa, si è disputata il 25 marzo 2012 per un percorso totale di 235,4 km. È stata vinta dal belga Tom Boonen, che ha concluso in 5h32'44".

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Come per le edizioni precedenti, il percorso è stato prevalentemente pianeggiante, con diverse salite e settori in pavé tra il 130 e 170 km. Il primo muro viene affrontato al 138 km, l'ultimo a circa 30 km dal traguardo che, a differenza delle precedenti edizioni, è posto a 235,4 km. Un'altra differenza importante la fanno i muri che in questa edizione sono 11 (a differenza delle altre edizioni, nelle quali erano previsti 14 muri).[1]

Squadre e corridori partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Sono state invitate venticinque squadre ciclistiche. Oltre alla presenza obbligatoria degli UCI ProTeam, sono state invitate sette UCI Professional Continental Team, Landbouwkrediet-Euphony, Topsport Vlaanderen-Mercator, Accent.jobs-Willems Veranda's, Cofidis, Farnese Vini-Selle Italia, Project 1T4I ed Europcar.[2]

N. Cod. Squadra
1-8 OPQ Belgio Omega Pharma-Quickstep
11-18 SKY Regno Unito Sky Procycling
21-28 LBT Belgio Lotto-Belisol Team
31-38 ALM Francia AG2R La Mondiale
41-48 AST Kazakistan Astana Pro Team
51-58 BMC Stati Uniti BMC Racing Team
61-68 EUS Spagna Euskaltel-Euskadi
71-78 FDJ Francia FDJ-BigMat
81-88 GEC Australia GreenEDGE Cycling Team
91-98 KAT Russia Katusha Team
101-108 LAM Italia Lampre-ISD
111-118 LIQ Italia Liquigas-Cannondale
121-128 MOV Spagna Movistar Team
N. Cod. Squadra
131-138 RAB Paesi Bassi Rabobank Cycling Team
141-148 GAR Stati Uniti Team Garmin-Barracuda
151-158 RNT Lussemburgo RadioShack-Nissan
161-168 SAX Danimarca Team Saxo Bank
171-178 VCD Paesi Bassi Vacansoleil-DCM
181-188 TPV Belgio Topsport Vlaanderen-Mercator
191-198 LAN Belgio Landbouwkrediet-Euphony
201-208 ACC Belgio Accent.jobs-Willems Veranda's
211-218 COF Francia Cofidis, le Crédit en Ligne
221-228 FAR Regno Unito Farnese Vini-Selle Italia
231-238 PRO Paesi Bassi Project 1T4I
241-248 EUC Francia Team Europcar

Favoriti[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli altri partecipano George Hincapie (vincitore nel 2001), Andreas Klier (che vinse nel 2003), Tom Boonen (vinse nel 2004 il detentore della corsa, avendo vinto anche l'edizione precedente), Thor Hushovd (vincitore nel 2006), Marcus Burghardt (vincitore nel 2007), Óscar Freire (vinse nel 2008), Edvald Boasson Hagen (vincitore nel 2009) e Bernhard Eisel (vinse nel 2010). La BMC Racing Team si presenta con tre ex vincitori della classica belga, in aggiunta a Philippe Gilbert, Greg Van Avermaet e Alessandro Ballan. Tra i maggiori favoriti spuntano i nomi di Mark Cavendish, Daniele Bennati, Peter Sagan e Fabian Cancellara.[3]

Resoconto degli eventi[modifica | modifica wikitesto]

La fuga del mattino vede avvantaggiarsi Koen Barbé, Thomas Bertolini, Vladimir Isajčev, Jon Izagirre, Anders Lund, Stein Neirynck e Kevin Van Melsen. Gli ultimi ad essere ripresi dal plotone sono Izagirre e Lund: il gruppo è guidato da diversi velocisti tra i quali Cavendish, André Greipel e John Degenkolb. Nel tratto in pianura tentano un'azione Cancellara e Sagan, ma il loro tentativo fallisce. La volata finale è regolata da Tom Boonen, che batte il giovane slovacco Peter Sagan e il danese Matti Breschel, uno degli outsider di giornata. Poi Freire, Bennati, Boasson Hagen, Marcato si piazzano nei primi posti.[4] Boonen realizza una doppietta avendo vinto l'edizione precedente; trova anche il secondo successo in tre giorni, essendosi aggiudicato due giorni prima l'E3 Harelbeke.

Ordine d'arrivo (Top 10)[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Belgio Tom Boonen Omega Pharma 5h32'44"
2 Slovacchia Peter Sagan Liquigas s.t.
3 Danimarca Matti Breschel Rabobank s.t.
4 Spagna Óscar Freire Katusha s.t.
5 Norvegia Edvald Boasson Hagen Sky Procycling s.t.
6 Italia Daniele Bennati RadioShack s.t.
7 Italia Marco Marcato Vacansoleil s.t.
8 Francia Steve Chainel FDJ-BigMat s.t.
9 Italia Filippo Pozzato Farnese Vini s.t.
10 Italia Giovanni Visconti Movistar s.t.

Punteggi UCI[modifica | modifica wikitesto]

Classifica individuale
Pos. Corridore Squadra Punti
1 Belgio Tom Boonen Omega Pharma 80
2 Slovacchia Peter Sagan Liquigas 60
3 Danimarca Matti Breschel Rabobank 50
4 Spagna Óscar Freire Katusha 40
5 Norvegia Edvald Boasson Hagen Sky Procycling 30
6 Italia Daniele Bennati RadioShack 22
7 Italia Marco Marcato Vacansoleil 14
8 Francia Steve Chainel FDJ-BigMat 10
9 Italia Giovanni Visconti Movistar 2
Classifica a squadre
Pos. Squadra Punti
1 Belgio Omega Pharma-Quickstep 80
2 Italia Liquigas-Cannondale 60
3 Paesi Bassi Rabobank Cycling Team 50
4 Russia Katusha Team 40
5 Regno Unito Sky Procycling 30
6 Lussemburgo RadioShack-Nissan 22
7 Paesi Bassi Vacansoleil-DCM 14
8 Francia FDJ-BigMat 10
9 Spagna Movistar Team 2
Classifica per nazione
Pos. Nazione Punti
1 Belgio Belgio 80
2 Slovacchia Slovacchia 60
3 Danimarca Danimarca 50
4 Spagna Spagna 40
5 Italia Italia 38
6 Norvegia Norvegia 30
7 Francia Francia 10


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mattia De Pasquale, Presentazione Gent-Wevelgem 2011: tanti favoriti, un solo vincitore in spaziociclismo.it, 26 marzo 2011. URL consultato il 29 marzo 2011.
  2. ^ (EN) Gent - Wevelgem 2012, cyclingnews.com, 25 marzo 2012. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Matteo Moscati, Gand Wevelgem 2012: Percorso e favoriti, Sportlive.it, 21 marzo 2012. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ (EN) Boonen wins Gent-Wevelgem in Cyclingnews.com, 25 marzo 2012. URL consultato il 25 aprile 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

ciclismo Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo