Gand-Wevelgem 2009

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Belgio Gand-Wevelgem 2009
Gand-Wevelgem 2009-fr.svg
Edizione 70ª
Data 8 aprile
Partenza Deinze
Arrivo Wevelgem
Percorso 203 km
Tempo 5h00'31"
Valida per Calendario mondiale UCI 2009
Ordine d'arrivo
Primo Norvegia Edvald Boasson Hagen
Secondo Bielorussia Aljaksandr Kučynski
Terzo Australia Matthew Goss
Cronologia
Edizione precedente
Gand-Wevelgem 2008
Edizione successiva
Gand-Wevelgem 2010

La Gand-Wevelgem 2009, settantesima edizione della corsa, si disputò l'8 aprile 2009 e venne vinta dal norvegese Edvald Boasson Hagen che concluse i 203 km del percorso in 5h00'31".

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Lungo 203 km, prevedeva la partenza a Deinze per dirigersi poi verso ovest a Dixmude, passando per Tielt. Da qui verso nord, passando per Nieuwpoort e Koksijde, per tornare verso sud partendo da Furnes. Dopo aver superato Poperinge da ovest, arrivava ai monti delle Fiandre. Un circuito di 23 km permetteva di affrontare due volte il Monteberg ed il monte Kemmel. I 36 km restanti dopo la seconda ascesa del Kemmel portavano i corridori a Wevelgem passando per Menin.[1]

Squadre e corridori partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

N. Cod. Squadra
1-8 RAB Paesi Bassi Rabobank
11-18 QST Belgio Quick Step
21-28 SIL Belgio Silence-Lotto
31-38 ALM Francia AG2R La Mondiale
41-48 AST Kazakistan Astana Team
51-58 BBO Francia Bbox Bouygues Telecom
61-68 GCE Spagna Caisse d'Epargne
71-78 COF Francia Cofidis
81-88 EUS Spagna Euskaltel-Euskadi
91-98 FDJ Francia Française des Jeux
101-108 FUJ Spagna Fuji-Servetto
111-118 GRM Stati Uniti Team Garmin-Slipstream
N. Cod. Squadra
121-128 LAM Italia Lampre-N.G.C.
131-138 LIQ Italia Liquigas
141-148 THR Stati Uniti Team Columbia-High Road
151-158 KAT Russia Team Katusha
161-168 MRM Germania Team Milram
171-178 SAX Danimarca Team Saxo Bank
181-188 CTT Svizzera Cervélo TestTeam
191-198 LAN Belgio Landbouwkrediet-Colnago
201-208 SKS Paesi Bassi Skil-Shimano
211-218 TVL Belgio Topsport Vlaanderen-Mercator
221-228 VAC Paesi Bassi Vacansoleil Pro Cycling Team
231-238 VOR Austria Vorarlberg-Corratec

Resoconto degli eventi[modifica | modifica wikitesto]

La corsa, svoltasi in pessime condizione atmosferiche (vento ed acqua lungo tutto il percorso), fu caratterizzata da una fuga di 32 partecipanti formatasi al decimo chilometro principalmente in seguito ad un'azione della Cervélo TestTeam, che infilò sei dei suoi corridori nel gruppo di testa. Il Team Columbia rispose con quattro atleti, tra cui il futuro vincitore. Il gruppo principale li lasciò andare senza imbastire alcun vero e proprio inseguimento.

Il gruppo di testa si spezzò in due tronconi al primo passaggio sul Kemmelberg e, dopo un attacco di Robbie McEwen, che da solo riuscì a rientrare sul primo gruppetto, arrivò l'attacco di Aljaksandr Kučynski, il quale si mosse con tempismo appena prima di affrontare la stessa salita per la seconda volta. Tornati sul Kemmelberg fu il turno di Edvald Boasson Hagen: il giovane norvegese attaccò il gruppo inseguitore e raggiunse Kučynski.

I due collaborarono fino al rettilineo finale, dove lo scandinavo fece valere la sua maggiore velocità e si aggiudicò per la prima volta la corsa, conquistando il trionfo più prestigioso dal suo passaggio al professionismo. Un ultimo tentativo di raggiungere i battistrada da parte di Andreas Klier, Matthew Goss e Mathew Hayman, partito a circa quindici chilometri dall'arrivo, fallì completamente, anche se l'iniziativa fruttò all'australiano Goss, vincitore del piccolo sprint per la terza piazza, un posto sul podio conclusivo.[2]

Ordine d'arrivo (Top 10)[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Norvegia E. Boasson Hagen Columbia 5h00'31"
2 Bielorussia Aljaksandr Kučynski Liquigas a 2"
3 Australia Matthew Goss Saxo Bank a 52"
4 Australia Mathew Hayman Rabobank s.t.
5 Germania Andreas Klier Cervélo a 55"
6 Spagna Koldo Fernández Euskaltel a 1'47"
7 Germania Marcus Burghardt Columbia a 2'12"
8 Paesi Bassi Tom Leezer Rabobank s.t.
9 Italia Manuel Quinziato Liquigas s.t.
10 Regno Unito Jeremy Hunt Cervélo s.t.

Punteggi UCI[modifica | modifica wikitesto]

Classifica individuale
Pos. Corridore Squadra Punti
1 Norvegia E. Boasson Hagen Columbia 80
2 Bielorussia Aljaksandr Kučynski Liquigas 60
3 Australia Matthew Goss Saxo Bank 50
4 Australia Mathew Hayman Rabobank 40
5 Germania Andreas Klier Cervélo 30
6 Spagna Koldo Fernández Euskaltel 22
7 Germania Marcus Burghardt Columbia 14
8 Paesi Bassi Tom Leezer Rabobank 10
9 Italia Manuel Quinziato Liquigas 6
10 Regno Unito Jeremy Hunt Cervélo 2
Classifica a squadre
Pos. Squadra Punti
1 Stati Uniti Team Columbia-High Road 94
2 Italia Liquigas 66
3 Danimarca Team Saxo Bank 50
4 Paesi Bassi Rabobank 50
5 Svizzera Cervélo TestTeam 32
6 Spagna Euskaltel-Euskadi 22
Classifica per nazione
Pos. Squadra Punti
1 Australia Australia 90
2 Norvegia Norvegia 80
3 Bielorussia Bielorussia 60
4 Germania Germania 44
5 Spagna Spagna 22
6 Paesi Bassi Paesi Bassi 10
7 Italia Italia 6
8 Regno Unito Regno Unito 2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Race map, cyclingnews.com. URL consultato il 14-11-2009.
  2. ^ (EN) Boasson Hagen joins list of young winners, cyclingnews.com. URL consultato il 14-11-2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

ciclismo Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo