Gambizzazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La gambizzazione è un atto criminale che consiste nello sparare proiettili alle gambe della vittima.

L'atto, che non si prefigge l'eliminazione fisica del soggetto colpito, viene generalmente effettuato a scopo punitivo, intimidatorio o dimostrativo.

In Italia[modifica | modifica sorgente]

Durante il periodo compreso tra gli anni settanta e ottanta, meglio noto come "anni di piombo", i gruppi terroristi che praticavano la cosiddetta "lotta armata", in particolare le Brigate Rosse, misero in atto numerosi attentati di questa tipologia, soprattutto indirizzati verso esponenti della stampa o della politica.

Tra i tanti, furono gambizzati giornalisti ritenuti di destra come Emilio Rossi e Indro Montanelli, ma anche illustri politici della sinistra come Gino Giugni, considerato il padre dello Statuto dei lavoratori.

La gambizzazione è una pratica utilizzata anche dalle organizzazioni mafiose.

politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica