Gambia (fiume)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gambia
Gambia
Il fiume Gambia nel Parco nazionale di Niokolo-Koba nel Senegal.
Stati Gambia Gambia
Guinea Guinea
Senegal Senegal
Lunghezza 1 120 km[1]
Bacino idrografico 180000 km²[2]
Nasce Fouta Djalon
Sfocia Oceano Atlantico presso Banjul
Mappa del fiume

Il Gambia è un fiume dell'Africa occidentale (Guinea, Senegal e Gambia), tributario dell'oceano Atlantico.

Percorso[modifica | modifica sorgente]

Nasce nel massiccio del Fouta Djalon (Guinea). Nel suo corso esso attraversa tre stati: dapprima la Guinea, da cui esce in direzione nordovest entrando in Senegal nelle regioni di Kédougou e Tambacounda (Parco nazionale di Niokolo-Koba, nella valle dell'omonimo affluente) e infine, dopo aver ricevuto le acque degli affluenti Nieri Ko e Koulountou, all'altezza dell'insediamento di Fatoto entra nel Gambia, che attraversa in tutta la sua lunghezza (questo paese, il più piccolo dell'Africa continentale, prende il nome proprio dal fiume, ed è costituito da una stretta fascia di territorio lungo le due rive pressappoco per metà del suo corso). Riceve in questo tratto l'affluente Sandougou.

Foresta ripariale lungo il fiume.

In quest'ultimo tratto il Gambia procede in direzione ovest, anche se con numerosi meandri, e si allarga progressivamente fino a raggiungere alla foce una larghezza di circa 10 km. Sfocia con un ampio estuario nell'Oceano Atlantico, nelle vicinanze della città di Banjul. Negli ultimi 100 chilometri di corso il corso del fiume risente dell'azione dell'oceano Atlantico, con presenza di ampie fasce di mangrovie lungo le sponde e periodiche risalite di acque salate o salmastre di origine oceanica.[1]

A una trentina di chilometri dalla foce del fiume, all'altezza di Juffureh, si trova l'Isola James, un tempo tristemente famosa in quanto centro del commercio degli schiavi. Il sito è oggi stato dichiarato dall'UNESCO Patrimonio dell'umanità.

Importanza economica[modifica | modifica sorgente]

Il fiume Gambia è uno dei più navigabili dell'intero continente africano, dal momento che può essere percorso da imbarcazioni per circa 500 chilometri a monte della foce e costituisce la più importante via di comunicazione dell'intero stato del Gambia.

Il fiume attraversa inoltre alcune ricche zone agricole, periodicamente inondate dalle acque del fiume durante le piene e per questo indicate per la coltivazione intensiva del riso.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Gambia River. In Enciclopedia Britannica, 2011.
  2. ^ (RU) Гамбия (река в Зап. Африке). In Grande enciclopedia sovietica, 1969-1978.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]