Galli da Bibbiena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una delle fantasione scenografie in cui erano specializzati i membri della famiglia Bibiena

I Galli da Bibbiena o Bibiena sono stati una famiglia di artisti, originaria di Bibbiena, oggi in provincia di Arezzo, attiva in campo artistico per oltre 150 anni prima a livello locale e poi su scala europea.

I suoi componenti si occuparono di pittura, architettura e scenografia incarnando lo stereotipo della famiglia di artisti italiani richiesti presso le corti di mezza europa.

Prima generazione[modifica | modifica sorgente]

Il capostipite della famiglia fu il pittore Giovanni Maria Galli da Bibbiena (1625-1665), proveniente dalla bottega di Francesco Albani ed autore di notevoli pale d’altare, specie nella zona di Bologna.

Seconda generazione[modifica | modifica sorgente]

I suoi figli Francesco Galli da Bibbiena (1659–1739) e Ferdinando Galli da Bibbiena (1657–1743) si diedero dapprima alla pittura e poi all'architettura, sia civile che teatrale, ed alla scenografia e scenotecnica. Ferdinando fu colui che portò maggiore lustro alla famiglia, lavorando insieme a Giacomo Torelli alla ristrutturazione del Teatro della Fortuna di Fano e con il fratello presso la corte imperiale di Vienna.. La figlia di Giovanni Maria Galli, Maria Oriana Galli da Bibbiena (1656–1749) intraprese la carriera di pittrice.

Terza generazione[modifica | modifica sorgente]

Da parte di Ferdinando:

Da parte di Francesco:

Quarta generazione[modifica | modifica sorgente]

Opere e attività[modifica | modifica sorgente]

L'attività dei discendenti di Giovanni Maria va dal 1690 circa fino al 1787 presso corti italiane ed europee. Lo stile di famiglia è tendenzialmente quello tardo barocco e stupì i contemporanei grazie all'intricato splendore delle decorazioni ed alle proporzioni create nello spazio grazie ad un uso ben affinato della prospettiva. Furono conosciuti soprattutto per i loro lavori in relazione al teatro, d'opera o di prosa, per la cui bellezza e splendore vennero ingaggiati anche per preparare cortei nuziali o anche funebri.

Della loro opera di scenografi oggi ci rimane ben poco poiché quel che crearono non erano costruito in materiali durevoli ed anche perché i loro lavori avevano funzioni esclusivamente temporanee. La ricchezza e lo splendore delle loro composizioni rimane comunque attestato dalla grande fama che vi diedero i contemporanei e da dipinti e disegni che sono stati conservati presso diverse collezioni a Vienna, Monaco e Dresda.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • La casata degli Asburgo fu con loro la più generosa.
  • Di loro si disse che erano: " nati per i sovrani sapendo far miracoli di magnificenza, come i sovrani erano nati per i Bibbiena, occorrendo per la loro opera fiumi di denaro”.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Jadranka Bentini, Deanna Lenzi, I Bibiena: una famiglia europea, Marsilio, Venezia 2000
  • Aa.Vv., I Galli Bibiena: una dinastia di architetti e scenografi, atti del convegno, Bibbiena, 26-27 maggio 1995, a cura di Deanna Lenzi, Wanda Bergamini, Editore Accademia Galli Bibiena, Bibbiena 1997
  • A. H. Mayor, The Bibiena Family, 1940.
  • Dunbar H. Ogden, The Italian Baroque Stage, Berkeley, 1978.
storia di famiglia Portale Storia di famiglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia di famiglia