Galla (santa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Galla
Chiesa di Santa Galla a Roma
Chiesa di Santa Galla a Roma
Morte 550 ca.
Venerata da Chiesa cattolica
Ricorrenza 5 ottobre / 6 aprile

Santa Galla (a volte precisata come Santa Galla di Roma) era la figlia di un patrizio romano, Quinto Aurelio Memmio Simmaco junior, che, nei periodi burrascosi successivi al crollo dell'Impero Romano d'Occidente, mantenne buoni rapporti con i nuovi sovrani barbari e fu nominato prefetto nel 476, console nel 485 e anche capo del senato - fino alla rottura con Teodorico, che lo fece condannare a morte nel 525.

Galla fu data in sposa a un giovane patrizio, che morì dopo appena un anno dalle nozze. La giovane vedova non volle più risposarsi e si ritirò in un monastero nell'area dell'antica basilica di San Pietro in Vaticano. San Fulgenzio di Ruspe la incoraggiò nella sua decisione scrivendole una famosa lettera, De statu viduarum (Lo stato delle vedove).

Dopo una vita pia, morì intorno al 550 - probabilmente di cancro al seno.

Culto[modifica | modifica sorgente]

Il culto ha origini molto antiche.

La chiesa storica a lei dedicata (nel centrale rione Ripa) fu demolita nel 1930. Come compensazione le fu dedicata una nuova chiesa, costruita nel 1940 in un'altra zona di Roma.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Santi e Beati - Santa Galla di Roma