Galla (moglie di Giulio Costanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Galla (fl. 325 circa; ... – ...) è stata un'esponente della dinastia costantiniana che regnò sull'Impero romano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Galla era la sorella del console Nerazio Cereale e del prefetto del pretorio Vulcacio Rufino.[1]

Sposò Giulio Costanzo, figlio dell'imperatore Costanzo Cloro e fratellastro dell'imperatore Costantino I. Dalla loro unione nacque un figlio morto assieme al padre nelle purghe del 337,[2] una figlia che sposò il cugino Costanzo II, e infine Costanzo Gallo, poi cesare d'Oriente, nato attorno al 325.[3]

Galla premorì al marito, in quanto Gallo fu poi affidato alle cure di un vescovo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Probabilmente Nerazio era suo fratello e Vulcacio suo fratellastro, in quanto Gallus è un cognomen dei Neratii (Jones, p. 198).
  2. ^ Giuliano, Lettera agli ateniesi, 270D.
  3. ^ Libanio, xviii.10.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie
Fonti secondarie