Galerina marginata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Galerina marginata
Galerina marginata.jpg
Galerina marginata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Cortinariaceae
Genere Galerina
Specie G. marginata
Nomenclatura binomiale
Galerina marginata
(Fr.) Kühn.
Caratteristiche morfologiche
Galerina marginata
Cappello convesso icona.svg
Cappello convesso
Gills icon.png
Imenio lamelle
Decurrent gills icon2.svg
Lamelle decorrenti
Tan spore print icon.png
Sporata ocra
Ring stipe icon.png
Velo anello
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Saprotrophic ecology icon.png
Saprofita
Hazard T.svg
Mortale

Galerina marginata (Fr.) Kühn.

La Galerina marginata è uno dei funghi velenosi più pericolosi che esistano, perché i meno esperti lo confondono spesso con specie eduli che crescono cespitose appartenenti ad altri generi, come ad esempio pioppini, chiodini oppure una specie che le somiglia moltissimo, la Pholiota mutabilis (edule).
Il cappello non raggiunge dimensioni ragguardevoli, tuttavia a volte può raggiungere anche i 5 cm di diametro.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

Di dimensioni molto ridotte: 1,5-3 cm massimo ( esistono comunque forme robuste fino a 8 - 10 cm. di diametro del pileo ); di forma conico-ottusa o più generalmente convessa, poi più espanso ed a volte quasi piano; poco carnoso, quando è umido assume una colorazione ocra scuro; a secco è giallo sporco. Presenta evidenti striature al margine.

Lamelle[modifica | modifica wikitesto]

Fitte, leggermente decorrenti oppure adnate, color nocciola.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

Cilindrico, color ocra, fibroso; generalmente pruinoso al di sopra dell' anello, mentre al di sotto è di color ocra, presenta residui di velo di colore bianco sporco.

Anello[modifica | modifica wikitesto]

Membranoso, color ocra, esiguo.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Esigua, delicata, color ocra.

  • Odore: farinoso, leggero ed incostante (sezionare il carpoforo oppure strofinare le lamelle).
  • Sapore: analogo.


Microscopia[modifica | modifica wikitesto]

Spore[modifica | modifica wikitesto]

Ocra ruggine in massa, (7) 8 - 10,5 (11) X 5 - 6 (7) micron, da ellissoidi a amigdaliformi più o meno verrucose, caliptrate o non, con apice che presenta callo più o meno pronunciato, plaga ilare liscia e visibile, cianofile e destrinoidi, positive con K.O.H.3 - 5 % divenendo color ruggine, in ammoniaca avviene lo stesso fenomeno ma in modo più blando.

Cheilocistidi
35)40 - 68 (70) X 8,5 - 15 X 3,3 3,8 micron, lageniformi con apice più o meno largo, presenti a palizzata continua che rende totalmente sterile il filo lamellare, ialini e abbondanti con presenza alcune volte di giunto a fibbia alla base.
Pleurocistidi
simili ai cheilocistidi per forma e dimensioni, da piuttosto rari a frequenti.
Caulocistidi
sparsi e non frequenti, simili ai cheilocistidi.
Pileipellis
a pigmento incrostante, senza pileocistidi con strato più o meno gelificato.
Giunti a fibbia
presenti su tutto il tessuto.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie cresce su molti substrati; boschi di conifere, latifoglie o misti, su legno, legno muscoso o muschio su terreno.

SISTEMATICA Il genere Galerina (analisi D.N.A.), è stato trasferito nella famiglia delle Strophariaceae.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Mortale icona.png Mortale! Contiene Amatossine.

Sono riportati numerosi casi di grave intossicazione a sindrome parafalloidea[1][2][3].

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Galerina marginata (Fr.) Kühn.

Specie simili[modifica | modifica wikitesto]

Attenzione
Per riconoscere questa specie è fondamentale strofinare energicamente le lamelle per poter percepire un odore "farinaceo" tenue, anche se a volte piuttosto marcato.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal latino "marginatus" = marginato, per via delle striature presenti sul margine del cappello.

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

  • Pholiota marginata
  • Pholiotina marginata

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Galerina marginata - Erboristeria Dulcamara - avvelenamento da Galerina marginata
  2. ^ http://www.tecnicidellaprevenzione.com/funghi/PROCEDURA%20OPERATIVA%20IN%20CASO%20DA%20INTOSSICAZIONE%20DA%20FUNGHI.pps
  3. ^ http://www.gruppomicologicocastellano.it/micologia/tossicologia/sindromi_di_avvelenamento_da_funghi.pdf
micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia