Galassia Nana Irregolare del Sagittario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Galassia Nana Irregolare del Sagittario
Galassia nana irregolare
La Galassia Nana Irregolare del Sagittario
La Galassia Nana Irregolare del Sagittario
Scoperta
Scopritore Cesarsky et al.
Anno 1977
Dati osservativi
(epoca J2000)
Costellazione Sagittario
Ascensione retta 19h 29m 59s
Declinazione -17° 40′ 41″
Distanza 3,39 ± 0,23 milioni a.l.
(1,94 ± 0,07 milioni pc)
Magnitudine apparente (V) 15,5
Dimensione apparente (V) 2,9 × 2,1 minuti d'arco
Caratteristiche fisiche
Tipo Galassia nana irregolare
Classe IB(s)mV
Altre designazioni
SagDIG, SgrDIG, ESO 594-G4, PGC 63287, HIPASS J1929-17, UKS 1927-177, Oggetto di Kowal
Categoria di galassie nane irregolari

La Galassia Nana Irregolare del Sagittario (o SagDIG), da non confondersi con SagDEG (Galassia Nana Ellittica del Sagittario), è, tra le galassie del Gruppo Locale, la più lontana dal baricentro. La sua reale appartenenza al Gruppo Locale non è definitivamente accertata poiché si trova in prossimità della superficie a velocità zero del Gruppo[1].

Scoperta il 14 giugno 1977[2] analizzando un'immagine presa con il telescopio Schmidt dell'ESO, è una galassia nana posta in direzione della costellazione del Sagittario.

Data l'elevata presenza di stelle di popolazione intermedia[3] si ritiene che abbia attraversato una lunga fase di formazione stellare. Sono state identificate 27 possibili stelle di carbonio[4]. L'indice di metallicità è basso ([Fe/H] ≤ −1,3) e l'età media delle stelle oscilla tra i 4 e gli 8 miliardi di anni per la maggior parte della popolazione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sidney van den Bergh - Updated Information on the Local Group - The Publications of the Astronomical Society of the Pacific 112 (770) p.529–536 - Versione on-line.
  2. ^ Cesarsky, D. A.; Lequeux, J.; Laustsen, S.; Schuster, H.-E.; West, R. M.. - Two new faint stellar systems discovered on ESO Schmidt plates. - Astronomy and Astrophysics, vol. 61, no. 4, Nov. 1977, p. L31-L33 Versione on-line.
  3. ^ M.G. Lee, E. Kim. - Stellar Populations of the Sagittarius Dwarf Irregular Galaxy. - Astronomical Journal - Versione on-line.
  4. ^ Gullieuszik, M.; Rejkuba, M.; Cioni, M. R.; Habing, H. J. & Held, E. V.. - Near-infrared photometry of carbon stars in the Sagittarius dwarf irregular galaxy and DDO 210 - Astronomy and Astrophysics 475 (2): 467–477 - Versione on-line.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari