Gaio Sosio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gaio Sosio
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Gaius Sosius.jpg
Moneta di Gaio Sosio
Nome originale Gaius Sosius
Gens Sosia
Consolato 32 a.C.

Gaio Sosio (latino: Gaius Sosius; fl. 66 a.C.-31 a.C.; ... – ...) è stato un militare e politico della Repubblica romana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gaio Sosio venne eletto questore nel 66 a.C. e pretore nel 49 a.C. Dopo l'inizio della Guerra civile romana entrò a far parte degli Ottimati. Dopo la fuga di Pompeo in Grecia, Sosio ritornò a Roma e si sottomise a Gaio Giulio Cesare

Dopo l'assassinio di Cesare, Sosio si alleò con Marco Antonio, dal quale nel 38 a.C. fu nominato governatore della Siria e della Cilicia al posto di Publio Ventidio Basso. Come governatore, a Sosio venne ordinato di supportare Erode contro Antigone II. Nel 37 a.C. avanzò contro Gerusalemme e dopo che fu diventato capo della città, Sosio piazzò Erode sul trono di Giudea.

Come merito dei suoi servizi e delle sue imprese, egli ottenne un trionfo nel 34 a.C., e divenne console insieme a Gneo Domizio Enobarbo nel 32 a.C. Quando scoppiò la Guerra civile tra Ottaviano e Marco Antonio, Sosio espose le considerazione di Antonio e attaccò violentemente Ottaviano al Senato.

Nel 31 a.C., Sosio comandò un flotta di Marco Antonio con la quale doveva distruggere la flotta di Lucio Arrunzio o metterlo in fuga, ma, quando quest'ultimo ebbe i rinforzi di Marco Vipsanio Agrippa, l'alleato di Sosio Tarcondimoto - re della Cilicia - venne ucciso e Sosio stesso fu obbligato a ritirarsi. Nella Battaglia di Azio, Sosio comandava l'ala sinistra della flotta. Dopo la battaglia, dalla quale fu costretto a fuggire, venne scoperto in un nascondiglio e Sosio fu catturato e portato davanti a Ottaviano che, grazie all'intercessione di Lucio Arrunzio, lo perdonò. Egli ritornò a Roma e completò il suo progetto del Tempio di Apollo Sosiano (cominciato nel 34 a.C.), dedicandolo al nome di Ottaviano.

Si sa solo di due figlie: Sosia e Sosia Galla, possibilmente da una Asinia.[1] una Nonia oppure una Aelia. Ma il cognome riappare in Q. Sosio Senecio, (console in 99 e 107 AD).[2] e San Sosio (275-305 AD).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Women, children and senators on the Ara Pacis Augustae page 353,n.88, Gaius Stern .
  2. ^ Some Arval Brethren Ronald Syme.


Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Ottaviano II
e
Lucio Volcacio Tullo
(32 a.C.)
con Gneo Domizio Enobarbo
Ottaviano III
e
Marco Valerio Messalla