Gaio Sesto Calvino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gaio Sesto Calvino
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Nome originale Caius Sextius Calvinus
Gens Sextia
Consolato 124 a.C.

Gaio Sesto Calvino [1] (... – ...) è stato un politico romano del periodo della Repubblica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 124 a.C. divenne console. Continuò la conquista della Gallia Transalpina di Linguadoca. Sconfisse i Salluvi, catturò e distrusse il loro Oppidum di Entremont nel 123 a.C. e ne schiavizzò la popolazione. Inoltre, dispose le sue legioni tra il Rodano e il Var, costringendo i galli e i liguri a 1000 passi dalla costa, concedendo questa striscia di terra a Marsiglia.

Ritratto immaginario rappresentante Caio Sesto Calvino (Fontana dei Predicatori, Aix-en-Provence).
Fondazione di Aix da parte di Sestio Calvino (Joseph Villevieille, 1900).

Nel 122 a.C. Calvino decise di trasformare il campo costruito a nord di Marsiglia in una colonia romana, la prima in Gallia Transalpina. Prende il suo nome: Aquae Sextiae (Aix-en-Provence).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Marco Fulvio Flacco
e
Marco Plauzio Ipseo
124 a.C.
con Gaio Cassio Longino
Tito Quinzio Flaminino
e
Quinto Cecilio Metello Balearico