Gaio Mario il Giovane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gaio Mario il Giovane
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Gaius Marius Minor.jpg
Gaio Mario il Giovane
Nome originale Gaius Marius Minor
Gens Maria
Padre Gaio Mario
Consolato 82 a.C.

Gaio Mario, detto il Giovane (110 a.C. / 108 a.C.Palestrina, 82 a.C.), è stato un politico romano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del generale Gaio Mario e di Giulia, fu sempre stimato dal cugino Giulio Cesare. In gioventù fu educato assieme a Cicerone ed Tito Attico da tutori greci. Mario il giovane assume un ruolo da protagonista durante la fase più acuta dello scontro durante la guerra civile. Come il padre appoggiò la causa dei plebei contro i patrizi.

Durante il suo consolato nell'82 a.C., sposò Mucia Terzia (futura moglie di Gneo Pompeo Magno). Nell'82 a.C., Lucio Cornelio Silla ed il suo esercito sbaragliarono l'esercito di Mario nei pressi di Verrugo Collis. Rifugiatosi a Palestrina, durante il successivo assedio, Mario si suicidò.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Strabone, Geografia, V, 3,11.
Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Lucio Cornelio Scipione Asiatico,
Gaio Norbano
82 a.C.
con Gneo Papirio Carbone III
Gneo Cornelio Dolabella,
Marco Tullio Decula