Gaio Lelio Sapiente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gaio Lelio Sapiente
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Nome originale Caius Laelius Sapiens
Gens Laelia
Padre Gaio Lelio
Consolato 140 a.C.

Gaio Lelio Sapiente[1] (in latino: Caius Laelius Sapiens) (188 a.C.125 a.C.) è stato un politico romano conosciuto principalmente per la sua amicizia con Scipione Emiliano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver ricoperto i ruoli di tribuno della plebe, nel 151 a.C., e di pretore, nel 145 a.C., fu console nel 140 a.C., insieme a Quinto Servilio Cepione, e venne eletto con l'aiuto del suo amico, allora censore, dopo aver fallito alle elezioni del 141 a.C. Era il figlio e l'erede del generale Gaio Lelio, anch'egli console nel 190 a.C. e braccio destro e amico fin dall'infanzia di Publio Cornelio Scipione Emiliano.

Gaio Lelio fu inoltre amico di Marco Pacuvio e Gaio Lucilio. A Lelio si ricollega esplicitamente l'opera che Cicerone dedicò al tema dell'amicizia, il Laelius de amicitia.

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Laelius in Who's Who in The Roman World, Londra, Routledge, 2001.

Controllo di autorità VIAF: 61941530

Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Gneo Servilio Cepione
e
Quinto Pompeo
(140 a.C.)
con Quinto Servilio Cepione
Gneo Calpurnio Pisone
e
Marco Popilio Lenate