Gaio Flaminio (console 187 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gaio Flaminio
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Nome originale Gaius Flaminius
Gens Flaminia
Padre Gaio Flaminio Nepote
Consolato 187 a.C.

Gaio Flaminio (in latino: Gaius Flaminius; floruit 210 a.C.-181 a.C.; ... – ...) è stato un politico romano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del console Gaio Flaminio Nepote, sconfitto da Annibale ed ucciso nella battaglia del Trasimeno.

Fu questore nel 210 a.C. in Spagna con Publio Cornelio Scipione [1]. Nel 196 a.C. era edile curule e distribuì alla popolazione romana una gran quantità di grano, che gli era stata fornita dai siciliani come dono di gratitudine in ricordo del padre.

Nel 193 a.C. fu nominato pretore e gli fu assegnata la provincia della Spagna Citeriore.

Nel 187 a.C. fu eletto console, mentre nel 181 a.C. fu uno dei triumviri fondatori di Aquileia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Fasti consulares Successore LupaCapitolina.png
Gaio Livio Salinatore
e
Marco Valerio Messalla
(187 a.C.)
con Marco Emilio Lepido
Spurio Postumio Albino
e
Quinto Marcio Filippo