Gaio Cesare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo imperatore, vedi Caligola.
Gaio Cesare
Roman SPQR banner.svg Console dell'Impero romano
8089 - Roma - Ara Pacis - Caio Cesare - Foto Giovanni Dall'Orto - 28-Mar-2008.jpg
Gaio Cesare bambino
Nome originale Gaius Caesar
Nascita 20 a.C.
Roma
Morte 4 d.C.
Artagira (in Licia[1])
Coniuge Claudia Livilla
Padre Marco Vipsanio Agrippa[2]
Madre Giulia maggiore[2]

Gaio Cesare, nome completo Gaio Giulio Cesare (latino: Gaius Iulius Caesar; Roma antica, 20 a.C.Artagira, 4 d.C.), è stato un politico romano, figlio maggiore di Marco Vipsanio Agrippa e di Giulia maggiore. Fu quindi membro della Dinastia giulio-claudia dell'Impero romano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gaio Cesare nacque con il nome di Gaio Vipsanio Agrippa (Gaius Vipsanius Agrippa), ma quando fu adottato dal nonno materno, l'imperatore Augusto, ne prese il nome.[2]

Gaio fu adottato con il fratello Lucio Cesare nel 17 a.C. da suo nonno materno, l'imperatore Augusto, che li nominò suoi eredi.[2][3]

« [...] ancora molto giovani fece partecipare [Lucio e Gaio Cesare] all'amministrazione della Res publica e quando furono designati consoli li inviò nelle province e presso gli eserciti. »
(SvetonioAugustus, 64.)

Nel 6 a.C. Gaio fu eletto console all'età di circa quattordici anni, ma Augusto non permise che ciò avvenisse, concedendo comunque al giovane principe una carica sacerdotale, il pontificato.[4] Nel 5 a.C. Gaio assunse la toga virilis e fu annoverato tra gli adolescenti, Augusto, eletto console per l'occasione, lo ammise in senato e lo designò princeps iuventutis nonché console per l'anno 1; nel 2 a.C. gli stessi onori furono decretati per Lucio.[5] Molte statue furono erette in loro onore (come nella Maison Carrée a Nimes).

Nel 1 a.C. a Gaio venne affidata la missione orientale. Quello stesso anno, infatti, Artavaside III, re d'Armenia filo-romano, era stato eliminato dall'intervento dei Parti e dal pretendente al trono Tigrane IV. Questo grave affronto al prestigio romano costrinse Augusto, non potendo più contare sulla collaborazione di Tiberio (andato in ritiro volontario a Rodi) e di Agrippa ormai morto da oltre un decennio, ad inviare il giovane nipote Gaio Cesare a trattare la questione armena, conferendogli poteri proconsolari superiori a quella di tutti i governatori provinciali d'Oriente. Ad accompagnarlo fu mandato anche Marco Lollio, che aveva fatto esperienza in Oriente alcuni anni prima, al momento di dover riorganizzare la neo provincia di Galazia.

Gaio Cesare raggiunse la Siria agli inizi dell'1 e qui iniziò il suo consolato (insieme a Lucio Emilio Paolo che era rimasto a Roma). Quando Fraate V, re di Partia, venne a conoscenza della missione del giovane principe, ritenne sarebbe stato più conveniente negoziare, piuttosto che affrontare la crisi con durezza, rischiando una nuova guerra. Egli chiese, in cambio della sua disponibilità a trattare, il ritorno dei suoi quattro fratellastri che abitavano a Roma e che costituivano una potenziale minaccia alla sua futura sicurezza. Augusto, ovviamente, non poteva che rifiutarsi di cedere famigliari così importanti per la causa orientale. Al contrario gli intimò di lasciare l'Armenia.

Fraate V si rifiutò di lasciare il controllo dell'Armenia nelle mani dei Romani, e continuò a mantenerne la sua supervisione sopra il nuovo re, Tigrane IV, il quale, però, mandò a Roma alcuni ambasciatori con doni, riconoscendo ad Augusto la potestà sul suo regno, e chiedendogli di lasciarlo sul trono. Augusto, soddisfatto di questo riconoscimento, accettò i doni, ma chiese a Tigrane di recarsi presso Gaio in Siria per trattare la sua possibile permanenza sul trono d'Armenia. Il comportamento di Tigrane III indusse Fraate V a cambiare idea, costringendolo a venire a patti con Roma. Rinunziò alle sue pretese di veder tornare i suoi fratellastri, e si dichiarò pronto a porre fine ad ogni interferenza in Armenia.

Questo stesso anno venne concluso un patto tra il giovane principe romano Gaio Cesare, ed il gran re dei Parti, in territorio neutrale su di un'isola dell'Eufrate, riconoscendo ancora una volta questo fiume come confine naturale fra i due imperi[6]. Tale incontro sanciva il reciproco riconoscimento tra Roma e la Partia, di Stati indipendenti con uguali diritti di sovranità. Prima di accomiatarsi, il sovrano parto Fraate V, informò Gaio che Marco Lollio aveva abusato del suor ruolo ed aveva accettato compensi da potenti re di stati orientali. L'accusa era vera e Gaio, dopo aver esaminato le prove, allontanò Lollio dal suo seguito. Pochi giorni dopo Lollio morì, probabilmente suicida, e venne sostituito nel ruolo di consigliere del principe da Publio Sulpicio Quirinio, soprattutto per le sue doti militari ed esperienze diplomatiche maturate nella precedente carriera. Sempre nell'1 d.C. Gaio Cesare sposò una sua parente, Livilla, figlia di Druso maggiore e Antonia minore.

Nel frattempo Tigrane IV era stato ucciso nel corso di una guerra, forse fomentata dai nobili armeni antiromani, contrari alla sottomissione a Roma. La morte di Tigrane fu seguita dall'abdicazione di Erato, sua sorellastra e moglie, e Gaio, in nome di Augusto, diede la corona ad Ariobarzane, già re della Media dal 20 a.C. Il partito antiromano, rifiutandosi di riconoscere Ariobarzane quale nuovo re d'Armenia, provocò disordini ovunque, costringendo Gaio Cesare ad intervenire direttamente con l'esercito. Il principe romano, poco prima di attaccare la fortezza di Artagira (forse vicino a Kagizman nella valle del fiume Arasse), fu invitato ad un colloquio con il comandante del forte, un certo Addon, il quale sembra volesse rivelargli importanti dettagli sulle ricchezze del re dei Parti. Ciò si rivelò, però, una trappola, poiché al suo arrivo Addon e le sue guardie tentarono di uccidere il principe romano, che riuscì a sopravvivere all'agguato pur rimanendo ferito gravemente.[7]

Il forte fu, in seguito a questi fatti, assediato ed espugnato dopo una lunga resistenza e la rivolta fu sedata, ma Gaio non si rimise più dalla ferita. Morì due anni più tardi, nel 4 d.C. in Licia a Limyra all'età di soli 24 anni.[1][8] Questo fu il tragico epilogo di anni di trattative, che portarono ad un nuovo modus vivendi tra la Partia e Roma, e dove quest'ultima stabiliva la sua supremazia sull'importante stato armeno. Fu sepolto con il fratello nel mausoleo di Augusto. Svetonio aggiunge che, quando Augusto seppe che il precettore e i domestici del figlio Gaio, avevano approfittato della sua malattia e della morte, mostrando tutta la loro avidità, li fece gettare in un fiume, con grosse pietre attaccate al collo.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b SvetonioAugustus, 65.
  2. ^ a b c d SvetonioAugustus, 64.
  3. ^ Cassio Dione, Storia romana, LIV,18,1.
  4. ^ Cassio Dione, LV,9,2-4; ILS, I, 106.
  5. ^ Cassio Dione, Storia romana, LV, 9,9-10.
  6. ^ Cambridge University Press, Storia del mondo antico, L'impero romano da Augusto agli Antonini, vol. VIII, Milano 1975, pag. 135; Mazzarino, p. 81.
  7. ^ Cassio Dione, Storia romana, 50, 10a, 6.
  8. ^ Cassio Dione, Storia romana, 50, 10a, 9.
  9. ^ SvetonioAugustus, 67.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti antiche
Fonti secondarie

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore
Cosso Cornelio Lentulo,
Lucio Calpurnio Pisone
Console romano
1
con Lucio Emilio Paolo
Successore
Publio Vicinio,
Publio Alfeno Varo

Controllo di autorità VIAF: 58081943