Gaetano Piccinini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gaetano Piccinini (19041972) è stato un presbitero italiano.

Appartenente alla Congregazione di don Orione, svolse la sua attività religiosa a Roma e nel Lazio. Durante la seconda guerra mondiale operò attivamente nella salvaguardia della popolazione ebraica, riuscendo a salvare Bruno Camerini e la sua famiglia dal rastrellamendo nazista del ghetto di Roma. Per questa sua attività, il 23 giugno 2011 il suo nome è stato iscritto nella lista dei Giusti tra le nazioni dello Yad Vashem di Gerusalemme, con una cerimonia solenne in Vaticano in presenza dell'ambasciatore di Israele presso la Santa Sede[1][2][3].

È il 61° sacerdote italiano iscritto nella lista[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Famiglia Cristiana del 23 giugno 2011
  2. ^ L'Osservatore Romano del 25 giugno 2011
  3. ^ Avvenire del 25 luglio 2011
  4. ^ Elenco dei sacerdoti italiani nella lista dei Giusti tra le nazioni

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie