Gadus macrocephalus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Merluzzo nordico
Pacific cod - cropped.jpg
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Gadiformes
Famiglia Gadidae
Genere Gadus
Specie G. macrocephalus
Nomenclatura binomiale
Gadus macrocephalus
Tilesius, 1810

Gadus macrocephalus, conosciuto comunemente come Merluzzo nordico, è un pesce d'acqua salata, appartenente alla famiglia Gadidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È un pesce tipico del Pacifico settentrionale, nella grande area compresa tra il Mar Giallo, lo Stretto di Bering, le isole Aleutine e la costa pacifica degli Stati Uniti, fino a Los Angeles. Vive nelle acque della piattaforma continentale a 100-400 metri di profondità, spingedosi a volte fino a 1280 m.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Una pesca fortunata

Presenta un corpo allungato, poco compresso ai fianchi, dal profilo a punta di lancia, con testa piuttosto grande ed un barbiglio chiaro sotto il mento. Ha tre pinne dorsali, due anali, pinne ventrali in posizione giugulare e pinna caudale tronca, a delta.
La livrea è variabile dal marrone al verdastro grigio sul dorso, che è cosparso di macchie brune, mentre diventa più sfumato bianco sul ventre. La testa è screziata di bruno. La linea laterale è chiara e ben visibile, con una curva all'altezza della seconda dorsale.
Può raggiungere una lunghezza massima di 120 cm per 22 kg di peso.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Si riproduce tra la fine dell'estate e l'inverno, dopo aver raggiunto acque meno profonde dove avviene l'accoppiamento. Ogni femmina depone tra 3-5 milioni di uova molto piccole (1 mm di diametro), demersali e appiccose nelle prime 30 ore. La schiusa avviene dopo circa 29 giorni.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Gli esemplari giovani si nutrono di copepodi, gli adulti di molluschi (gasteropodi, bivalvi, octopus e cefalopodi), crostacei (granchi, gamberetti, vermi (policheti, anellidi) e soprattutto pesci (zoarcidae, salmonidae, scorpaenidae, acciughe, pleuronectidae, Gymnocanthus sp., Alepisaurus ferox e uova e larve di Raja sp.).

Predatori[modifica | modifica wikitesto]

G. macrocephalus è preda abituale di mammiferi marini come Balaenoptera acutorostrata e Phoca vitulina, di pesci come pleuronectidae e Oncorhynchus tshawytscha, Theragra chalcogramma e Anoplopoma fimbria.

Pesca[modifica | modifica wikitesto]

Grafico con i dati FAO sulla pesca di G. macrocephalus degli ultimi 50 anni

Il merluzzo nordico è oggetto di pesca intensiva: negli ultimi 50 anni la quantità di pescato è più che quadruplicata. Tuttavia la pesca con palamito praticata tra l'Alaska e lo Stretto di Bering è stata considerata come sostenibile dal Marine Stewardship Council. In Europa e in Italia non è una specie ricercata, mentre nei paesi del Pacifico ha un elevato valore commerciale.

Altri usi[modifica | modifica wikitesto]

È utilizzato anche nella Medicina tradizionale cinese.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci