Gabriela Adameșteanu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Gabriela Adameşteanu

Gabriela Adameşteanu (Târgu Ocna, 2 aprile 1942) è una scrittrice, saggista, giornalista traduttrice romena, tra i più grandi scrittori romeni contemporanei ed esponente di spicco dell'intellighenzia post-decembrista.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Autrice dei romanzi Drumul egal al fiecărei zile (1975) (La strada uguale di ogni giorno), Dimineață pierdută (1983) (traduzioni: Une matinée perdue, Gallimard, Parigi, 2005; Wasted morning, Northwestern University Press, 2011; Una mattinata persa, Atmosphere libri, 2012), Întâlnirea (2003) (L'incontro, Nottetempo, 2010) e Provizorat (2010) (Provvisorietà), nonché di volumi di novelle e pubblicistica, è stata attivista della società civile ed è membro del Gruppo per il Dialogo Sociale (GDS). Fino al 2005 è stata caporedattrice di Revista 22, l'unica rivista indipendente della Romania post-decembrista. Nel 2010, l'edizione francese del suo romanzo Dimineață pierdută, Une matinée perdue, è stato nominato per il Prix Jean Monnet Europeenne de Littérature.

È figli di Mircea Adameșteanu, fratello dell'archeologo italo-rimeno Dinu Adameșteanu.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 90719866 LCCN: no2002101655