Gravity Field and Steady-State Ocean Circulation Explorer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da GOCE)
GOCE
Immagine del veicolo
GOCE.jpg
Dati della missione
Proprietario Unione europea Agenzia Spaziale Europea
Costruttore Thales Alenia Space
Numero di catalogazione 2009-013A
Satellite di Terra
Esito Missione terminata con successo
Vettore Rockot-Briz-M
Lancio 17 marzo 2009, 14:21:00 UTC dal cosmodromo di Pleseck in Russia
Rientro 11 novembre 2013
Massa 1 100 kg
Strumentazione Gradiometro a 3 assi per la determinazione diretta del gradiente di gravità e satellite to satellite tracking intrument (ricevitore GPS ultra-preciso)

Il Gravity Field and Steady-State Ocean Circulation Explorer (GOCE) era un satellite sviluppato dall'Agenzia Spaziale Europea per analizzare la variazioni del campo gravitazionale terrestre. Il lancio del satellite è avvenuto il 17 marzo 2009 alle 14:21 UTC; lo strumento principale del satellite era un 3-Axes Electrostatic Gravity Gradiometer (EGG), basato su 3 coppie di accelerometri a 3 assi, la cui sensibilità arrivava fino a 0.2 x 10 exp -12 g.

Per poter misurare il gradiente di gravità, il satellite aveva a bordo un controllo drag free, in grado di misurare l'attrito con le particelle residue di atmosfera e di vento solare e di compensarlo 10 volte al secondo per mezzo di un motore a ioni in grado di fornire una spinta compresa tra 1 e 20 mN (0.1 - 2 grammi) sul satellite di circa 1100Kg di massa. Un ricevitore GPS di precisione forniva i dati per correlare la posizione del satellite al centimetro, permettendo altresì la determinazione delle componendi bassa frequenza del gradiente.

La misurazione del campo gravitazionale terrestre ha permesso di determinare per la prima volta il geoide terrestre con la precisione di un cm su una scala di 100 Km da usare come futuro riferimento per la comprensione della circolazione delle correnti oceaniche, per la determinazione dei riferimenti geodetici su scala mondiale e per a molte altre applicazioni in geodesia e geofisica. L'andamento delle correnti oceaniche è fondamentale per comprendere l'andamento del clima terrestre.

Il satellite, a differenza dei precedenti satelliti ESA per l'osservazione della Terra come l'Envisat, è un satellite con una singola missione osservativa e quindi più compatto. Insieme ai satelliti SMOS e CryoSat e agli altri satelliti della serie Earth Explorer attualmente in sviluppo, GOCE è il capostipite degli Esploratori Terrestri, nati dalla nuova politica ESA nel campo delle scienze della Terra, la quale preferisce puntare su satelliti specializzati di piccole dimensioni invece che su grandi satelliti tuttofare.

L'11 novembre 2013, intorno all'1:00 CET, il satellite GOCE, non più utile ai fini scientifici, è rientrato nell'atmosfera terrestre disintegrandosi. L'impatto con l'atmosfera non ha provocato danni per quanto l'Agenzia Spaziale Europea (ESA) avesse comunicato che vi era una "remota possibilità" che alcuni frammenti del satellite potessero impattare sull'Italia. Le zone più probabili di diffusione dei frammenti sono l'oceano Pacifico, l'oceano Indiano e l'Asia.[1][2]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) GOCE gives in to gravity. URL consultato l'11 novembre 2013.
  2. ^ Il satellite Goce rientrato nell’atmosfera in Corriere della Sera, 11 novembre 2013.
astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica