Géza d'Ungheria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Miniatura di Géza tratta dal Chronicon Pictum, 1360.
Busto di Géza d'Ungheria nel parco nazionale storico di Ópusztaszer

Géza (9401º febbraio 997) fu capo degli Ungari dal 972 al 997.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Géza era figlio del capotribù magiaro Taksony e della sua moglie pecenega (uno dei popoli "turchi"), nonché pronipote di Árpád, il capostipite della dinastia. Sebbene fosse ancora pagano quando raggiunse il potere, fu costretto, a seguito dell'alleanza stretta nel 972 tra il Sacro Romano Impero e Bisanzio, a convertirsi al Cristianesimo per assicurare una pace durevole all'Ungheria. Si rivolse all'imperatore Ottone I che ordinò un monaco benedettino, Bruno di San Gallo, al rango di vescovo e lo mandò in Ungheria a battezzare Géza, il che, secondo il più delle fonti avvenne nel 985. Sebbene sia comunemente ritenuto un principe cristiano, si nutrono dubbi sulla sua reale conversione. Secondo Tietmaro di Merseburgo, Géza non smise di adorare gli dei pagani; una cronaca dell'epoca riporta che interrogato a proposito, egli affermava di essere ricco a sufficienza per fare sacrifici tanto alle vecchie divinità quanto al nuovo dio.

Sebbene oscurato nella fama da suo figlio, Santo Stefano d'Ungheria, Géza fu l'artefice di notevoli miglioramenti durante il suo regno. Fondò Székesfehérvár, facendola divenire la capitale, impose autorevolmente il governo centrale su tutto il territorio del paese, con l'eccezione della Transilvania che rimase sotto l'autoritá di Gyula. Questo gli permise di riscuotere tasse e tributi in modo molto più efficiente che i suoi predecessori.

Matrimonio ed eredi[modifica | modifica wikitesto]

Géza sposò Sarolta, figlia di Gyula di Transilvania, che era stata cresciuta come cristiana, da cui ebbe i seguenti figli:

Il fratello di Géza, Michele, divenne principe di Polonia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore capo degli Ungari Successore
Taksony 972-997 Stefano I
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie