Fusione perfetta del 1847

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Fusione perfetta)
Il Regno di Sardegna dopo la Fusione Perfetta del 1847

La fusione perfetta del 1847 si riferisce all'unione politica e amministrativa di tutti i territori del Regno di Sardegna, cioè la parte insulare composta dall'isola di Sardegna, e gli Stati di Terraferma del Piemonte, della Savoia, di Nizza e dell'ex Repubblica di Genova e degli ex feudi imperiali dell'Appennino Ligure (che comprendevano la Liguria, Capraia, il Novese e l'Ovadese), in modo simile a quanto la corona inglese aveva fatto cinquant'anni prima con il Regno d'Irlanda per mezzo dell'Atto di Unione.

La fusione[modifica | modifica wikitesto]

Carlo Alberto di Savoia aveva concesso riforme agli "Stati di Terraferma"; i ceti dirigenti di Cagliari e Sassari promossero una mobilitazione popolare[1] per richiedere l'unione con i domini continentali al fine di ottenere l'estensione di quelle riforme anche all'Isola. Carlo Alberto concesse la fusione il 29 novembre del 1847, annunciata dal viceré Claudio Gabriele de Launay [2] con il seguente discorso: «.....(Il re) ha deciso di formare una sola famiglia di tutti i suoi amati sudditi con perfetta parità di trattamento». Con la fusione venne soppresso anche il titolo di Viceré di Sardegna.

Consensi e dissensi[modifica | modifica wikitesto]

L'estensione delle riforme era stata voluta soprattutto dal notabilato, dalla nobiltà e dalla borghesia sarda, al fine di facilitare l'esportazione delle merci agricole e l'importazione dei manufatti del Continente[3], nonché per inserirsi anch'essa nell'opera di sfruttamento delle risorse materiali della Sardegna già perseguita dalle borghesie continentali[4][perché la fusione avrebbe favorito i sardi?]. Non mancarono in merito voci contrarie, seppur in minoranza, quali quella di Federico Fenu[5] e non tardarono neanche a presentarsi i pentiti di tale opera: emblematico è il parere di colui che più si adoperò per tale obiettivo, Giovanni Siotto Pintor, che parlò in merito di "follia collettiva" ed ebbe a dire, a posteriori, "errammo tutti"[6].

La "questione sarda"[modifica | modifica wikitesto]

« I Sardi dovranno capire che il divenir prosperi, felici, ricchi, non dipende che da loro medesimi, che se non vorranno divenirlo è tutta colpa propria. »
(Federico Fenu, La Sardegna e la fusione del suo regime col sardo continentale, Cagliari, 1848)

Con la fusione e il successivo avvento dell'unificazione politica italiana, ebbe inizio la cosiddetta "questione sarda"[7], ossia la presa di coscienza politica di quella parte degli isolani convinta che, solamente nella possibilità di autogoverno, si sarebbero risolti in futuro i problemi dell'isola[8][9] , nonché una qual certa percezione, da parte di alcuni intellettuali, che all'isola non fosse stato riconosciuto il titolo di nazione[10].

Le conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Molteplici furono le conseguenze che scaturirono dalla Fusione perfetta degli Stati che componevano la Corona sabauda. Anche nell'Isola entrarono in vigore i Codici già in forza negli stati continentali, quali il Codice Civile, il Codice Militare e quello penale.

Scomparsa dell'antico Parlamento sardo[modifica | modifica wikitesto]

L'unione portò a una serie di conseguenze fra cui la scomparsa dei secolari istituti di autonomia statuale quali l'antico Parlamento sardo e la Real Udienza, garantiti dai trattati internazionali nel momento del passaggio della corona ai duchi di Savoia.

Scomparsa degli altri Stati di Terraferma[modifica | modifica wikitesto]

Gli "Stati di Terraferma" si fusero all'interno dello Stato sardo.

Nascita dello Stato unitario sardo[modifica | modifica wikitesto]

Con la "Fusione Perfetta" il Regno di Sardegna, divenuto con il passaggio della corona ai Savoia nel 1720 uno "Stato composto" (cioè formato dall'unione di più Stati i quali mantenevano la loro qualità di Stati), divenne "unitario" caratterizzato, secondo Casula, da «un solo popolo, un solo potere pubblico, un unico territorio»[11], non più pluralista come quello precedente ma centralista sul modello francese, mantenendo la stessa denominazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovanni Siotto Pintor, uno dei principali sostenitori della Fusione perfetta, nella Storia civile descrive le pacifiche manifestazioni popolari tenute per richiedere le riforme.
  2. ^ Ultimo viceré di Sardegna
  3. ^ Gianfranco Contu e Francesco Casula, Storia dell'autonomia della Sardegna, dall'Ottocento allo Statuto Sardo, p. 13
  4. ^ Guida d'Italia - Sardegna, p. 74
  5. ^ Si legga il suo libretto polemico del 1848 La Sardegna e la fusione con il sardo continentale, in cui, rivendicando l'indipendenza dell'isola, criticava aspramente la scelta della borghesia sarda di legarsi alle sorti di quella piemontese, trascurando essa il fatto che sardi e piemontesi non potevano serenamente convivere fra di loro perché li dividevano «...stirpe, costumi, indole, persino più che gli irlandesi dagli inglesi».
  6. ^ 29 novembre 1847: Francesco Casula, La Fusione perfetta, una data infausta per i Sardi e la Sardegna
  7. ^ Glossario di autonomia Sardo-Italiana, Francesco Cesare Casùla, Presentazione del 2007 di Francesco Cossiga
  8. ^ Francesco Cesare Casula, Breve Storia di Sardegna, p. 245; op. cit.
  9. ^ La “fusione perfetta” del 1847 aprì una nuova era per l’isola, La Nuova Sardegna, 23 novembre 2013. URL consultato il 16 aprile 2015.
  10. ^ Il Sardismo Ieri e Oggi, Italo Ortu. Prefazione di Francesco Casula
  11. ^ Francesco Cesare Casula, Breve Storia di Sardegna, p. 244; op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Cesare Casula, La storia di Sardegna, Sassari, Delfino, 1994, ISBN 88-7138-063-0.
  • Francesco Cesare Casula, Sintesi di Storia Sardo-Italiana, Sassari, Delfino, 2011, ISBN 978-88-7138-606-5.
  • (SC) Frantziscu Tzèsare Casula, Sìntesi de Istòria Sardu-Italiana, Sassari, Delfino, 2011, ISBN 978-88-7138-606-5.
  • Luciano Marroccu, Manlio Brigaglia, La perdita del Regno, Sassari, Editori Riuniti, 1995, ISBN 88-359-3917-8.
  • Attilio Mastino, Manlio Brigaglia, Gian Giacomo Ortu, Storia della Sardegna. 2.Dal Settecento a oggi, Roma, Laterza, 2006, ISBN 88-420-7838-7.
  • Giovanni Siotto Pintòr, Storia civile dei popoli sardi dal 1798 al 1848, Torino, F. Casanova successore L. Beuf, 1877.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]