Fusa (gatto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aiuto
Gatto che fa le fusa (info file)
Spettro delle fusa di un comune gatto europeo

Le fusa sono un suono, somigliante un sordo brontolio, emesso da molte specie di felini ed è in modo particolare una parte integrante della comunicazione dei gatti. Animali affini, come la lince, il puma e il ghepardo emettono suoni riconducibili alle fusa, grazie alla loro rapidissima e ritmica contrazione del diaframma, della laringe o spesso di entrambi.

Ad ogni modo, la comunità scientifica, nel 2002, rifacendosi alla "definizione Peters" (per fusa si intende la produzione di un suono continuo che deve alternare il flusso d'aria polmonare in entrata ed in uscita di lunga durata), ha riconosciuto in maniera ufficiosa che soltanto i gatti e due specie di genetta producono vere e proprie "fusa".[senza fonte]

Meccanismo alla base delle fusa[modifica | modifica wikitesto]

Il meccanismo che sta dietro la produzione di fusa da parte dei felini è ancora ambiguo, nonostante siano varie le teorie avanzate a riguardo. Il motivo principale di queste incertezze deriva dal fatto che i gatti non hanno un organo unico, speciale, adibito alla produzione di tale suono per cui ne è tuttora sconosciuto l'esatto funzionamento.[1]

Fra le ipotesi più sostenute ne spicca una documentata da studi elettromiografici: i gatti produrrebbero il rumore che fa le fusa adoperando le corde vocali ed animando i muscoli della laringe per dilatare alternativamente la cavità orale, per poi restringere con rapidità la glottide, causando delle piccole vibrazioni nell'aria a metà fra il processo di inspirazione ed espirazione.[2] Non sempre le fusa riscontrate con questi studi si sono dimostrate uguali, il che avvalora ulteriormente l'idea che ciascun felino le produca a modo suo, benché con meccanismi analoghi.[3]

I gatti domestici emettono dei suoni con una frequenza dalle 25 alle 150 vibrazioni in un solo secondo[4]. Confrontando le fusa di un ghepardo (Acinonyyx jubatus) e un gatto domestico (Felis catus) è stato rilevato che il primo emette fusa ad una frequenza inferiore rispetto a quelle del gatto domestico più piccolo ed esile, in grado di fare le fusa più "rumorosamente" e più a lungo.

Ciascun animale in grado di fare le fusa emette suoni leggermente differenti a seconda del loro stato di agitamento/rilassamento, stato di salute, età e rapporto eventuale con un essere umano.

Origine biologica e cause[modifica | modifica wikitesto]

Secondo uno studio pubblicato nel 2003 dallo Scientific American[5], il poter fare le fusa ha offerto al gatto domestico un vantaggio selettivo. L'osservazione del comportamento conduce all'ipotesi che le fusa non vengano fatte per esprimere piacere o rilassamento, ma è più generalmente stimolato in caso di contatto sociale. Lo studio condotto ha dimostrato che la gamma di frequenze prodotte durante le fusa favorisce il miglioramento della densità minerale ossea la guarigione in caso di infortuni, come fratture. L'addomesticamento e l'allevamento dei gatti si è verificato in un periodo relativamente recente rispetto ad altre specie domestiche, per questo non presentano alcune anomalie dei muscoli e delle ossa (come il parente carnivoro più fortemente selezionato, Canis lupus familiaris). È probabile che le fusa dei gatti aiutino ad alleviare la displasia o le condizioni osteoporotiche più comuni nei canidi; anche se si è tentati di affermare che i gatti fanno le fusa perché sono felici, è quindi più plausibile che il fare le fusa sia un mezzo di comunicazione e una fonte potenziale di auto-guarigione.

Credenze popolari[modifica | modifica wikitesto]

Non molto tempo fa si è cominciato a sostenere che i gatti non sono i soli esseri viventi a fare le fusa, nonostante siano il genere di animale domestico per eccellenza in questo campo. Tra il 1834 e il 1835, Owen e Pocock distinsero i tipi di suono riconducibili a "fusa feline" da quelli dei cosiddetti "gatti ruggenti", come il ghepardo. Da qui sorsero dei primi studi sull'argomento, senza mai giungere ad una vera comprensione del fenomeno[6].

Nelle altre lingue e in letteratura[modifica | modifica wikitesto]

In molte lingue, l'atto del fare le fusa è indicato con un termine onomatopeico che ricorda il suono delle fusa stesse, in cui ricorre la ripetizione della consonante vibrante alveolare.

Nella saga letteraria di Harry Potter è presente un gatto dal nome tradotto in italiano di Mrs. Purr.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Why and how do cats purr?, Library of Congress. URL consultato il 10 luglio 2013.
  2. ^ K.M. Dyce, W.O. Sack and C.J.G. Wensing in Textbook of Veterinary Anatomy 3rd Ed. 2002, Saunders, Philadelphia; p156
  3. ^ How A Puma Purrs
  4. ^ (PDF)(EN) Purring cheetah and domestic cat, roberteklund.info, 2010. URL consultato il 10 luglio 2013.
  5. ^ (EN) Leslie A. Lyons, Why do cats purr?, Scientific American, 3 aprile 2006. URL consultato il 25 febbraio 2014.
  6. ^ (EN) R. Roger Breton, Nancy J. Creek, Overview of Felidae, tigertouch.org, 28 settembre 2006. URL consultato il 25 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2013).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

gatti Portale Gatti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di gatti