Fuori dal mondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fuori dal mondo
una scena del film
una scena del film
Titolo originale Fuori dal mondo
Paese di produzione Italia
Anno 1999
Durata 100 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Giuseppe Piccioni
Sceneggiatura Giuseppe Piccioni, Gualtiero Rosella, Lucia Maria Zei
Fotografia Luca Bigazzi
Montaggio Esmeralda Calabria
Musiche Ludovico Einaudi
Scenografia Marco Belluzzi
Interpreti e personaggi

Fuori dal mondo è un film del 1999 diretto da Giuseppe Piccioni, che tratta soprattutto della vocazione religiosa e dell'obbligo del celibato monastico.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Caterina, una suora in procinto di prendere i voti perpetui, si ritrova tra le braccia un neonato abbandonato avvolto in un maglione con l'etichetta di una lavanderia. Tentando di scoprire l'identità della madre del piccolo Caterina conosce Ernesto, il solitario e introverso proprietario della lavanderia dove per qualche tempo ha lavorato una giovane donna di nome Teresa con cui Ernesto ha avuto un rapporto. La suora ed Ernesto andranno quindi alla ricerca di Teresa che nel frattempo è tornata da un suo ex compagno. Il piccolo abbandonato sarà alla fine adottato perché Teresa, probabilmente spinta dalla vergogna e per un senso di colpa, si sente incapace di accettare il bambino avuto da Gabriele, compagno di sua madre. Mentre Caterina dovrà confrontarsi con il lacerante desiderio di essere madre, Ernesto, deluso dalla speranza di essere lui il padre del neonato che avrebbe dato un senso alla sua vita, dovrà fare i conti con l'impossibilità di vivere con Caterina con la quale era nato un reciproco rapporto affettuoso. Entrambi compieranno un viaggio interiore e di conoscenza fuori dal mondo abituale in cui vivono e in cui, con serena rassegnazione e pacato rimpianto, saranno costretti dalla fatalità della vita a tornare .

Commento al film[modifica | modifica wikitesto]

In una Milano protagonista, straniata nella fotografia di Luca Bigazzi, tre persone, a partire dal ritrovamento di un neonato abbandonato, penetrano un "altrove " dalle rassicuranti certezze su cui hanno costruito le proprie esistenze: il lavoro (Ernesto), la famiglia (Teresa), la vita religiosa (suor Caterina).

Il sociologo Giuseppe Piccioni, al suo quinto film, affianca in modo discreto, rispettoso, queste derive individuali, introducendo di soppiatto, quasi casualmente, sorridenti foto di gruppo in divisa (il compagno di Teresa coi colleghi di polizia, Ernesto con le dipendenti della lavanderia, Caterina con le sorelle, Teresa con le dipendenti della gelateria in cui lavora).

« Il film rivela l'insensatezza dell'esistere, accettando delle regole astratte necessarie per non impazzire. Poi un giorno deragli, ti innamori, ti capita qualcosa di particolare o vieni assalito dalla paura di morire ed è proprio in questi momenti che comprendi l'incredibile assenza di senso [1] »

In questo viaggio angoscioso, alla ricerca di un senso, che resta poi solo come ricca esperienza dell'essere (la vita dei protagonisti esteriormente continuerà ad essere quella di prima) si avvertono echi di Fuori orario di Martin Scorsese [2]. Le musiche di Ludovico Einaudi [3] sottolineano emozioni, turbamenti, rivelazioni di questo percorso.

Un notevole esordio, nel lungometraggio per la casa di produzione Lumière & Co. di Lionello Cerri è stato questo film che ha ottenuto cinque David di Donatello: miglior film, migliore sceneggiatura, miglior produttore, migliore attrice (Margherita Buy), miglior montatore. Il film è stato anche candidato dall'Anica a concorrere come Miglior Film in Lingua Straniera agli Oscar nel 2000.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1999 - Ciak d'oro
    • Migliore attrice non protagonista a Giuliana Lojodice
    • Migliore sceneggiatura a Giuseppe Piccioni, Gualtiero Rosella, Lucia Zei
    • Migliore fotografia a Luca Bigazzi
    • Migliore sonoro in presa diretta a Amedeo Casati

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista, a cura di Barbara Frigerio, a Silvio Orlando, in Duel,
  2. ^ Flavio De Bernardinis, Duel, aprile-maggio 1999
  3. ^ Ludovico Einaudi è il figlio dell'editore Giulio

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema