Funzione di luminosità (astronomia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In astronomia, la funzione di luminosità fornisce il numero di stelle o galassie con un determinato intervallo di luminosità.[1] Funzioni di luminosità sono usate per studiare le proprietà di grandi gruppi o classi di oggetti, come stelle di ammassi stellari o galassie del Gruppo Locale.

Funzione di luminosità di Schechter[modifica | modifica sorgente]

La funzione di luminosità di Schechter dà la densità di spazio delle galassie all'interno di una determinata luminosità. La formula della funzione è:

n(x) \  \mathrm{d}x = \phi^* x^a \mathrm{e}^{-x} \mathrm{d}x,

dove x = L/L^*, e L^* è una luminosità galattica caratteristica dove la funzione smette di funzionare. Il parametro \,\!\phi^* ha unità di densità di numero e fornisce la normalizzazione. La funzione di luminosità galattica può avere differenti parametri in base alla popolazione stellare e all'ambiente, non è una funzione universale. Una misura del campo di galassie è a=-1.25,\ \phi^* = 1.2 \times 10^{-3} h^3 \mathrm{Mpc}^{-3}.[2]

Funzione di luminosità delle nane bianche[modifica | modifica sorgente]

La funzione di luminosità delle nane bianche permette di ottenere il numero di nane bianche con una determinata luminosità. Dato che è determinata dal tasso di formazione e raffreddamento di queste stelle, è di interesse per le informazioni che fornisce riguardo alla fisica delle nane bianche in raffreddamento e all'età e la storia della Via Lattea.[3][4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Luminosity function, David Darling, entry in The Internet Encyclopedia of Science, consultato il 19 settembre 2007.
  2. ^ Malcolm Longair, Galaxy Formation, Springer Verlag, 1998. ISBN 3-540-63785-0.
  3. ^ The Texas Deep Sky Survey: Spectroscopy of Cool Degenerate Stars, C. F. Claver, D. E. Winget, R. E. Nather, and P. J. MacQueen, Bulletin of the American Astronomical Society 30 (December 1998), p. 1300
  4. ^ The Potential of White Dwarf Cosmochronology, G. Fontaine, P. Brassard, and P. Bergeron, Publications of the Astronomical Society of the Pacific 113, #782 (April 2001), pp. 409–435.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]