Fulvio Longobardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fulvio Longobardi (Roma, 1925) è un critico letterario e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato letteratura italiana all'Università di Roma con Giuseppe Ungaretti e ha collaborato a riviste quali Aut aut, Belfagor, Il Contemporaneo, Società. Importanti le due monografie dedicate a Moravia (Firenze, La Nuova Italia, 1959) e Pratolini (Milano, U. Mursia, 1964). Scrisse anche un radiodramma, Vita di Poco (Torino, RAI Radiotelevisione italiana, 1968) e vinse nel 1962 il Premio Teramo per un racconto inedito.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • La decimazione, Milano, Lerici, 1964
  • La fine del mondo, Milano, Lerici, 1965

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]