Fulvia Colombo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« La RAI Radiotelevisione Italiana inizia oggi il suo regolare servizio di trasmissioni televisive. »
(Milano, 3 gennaio 1954, ore 11. L'annuncio è di Fulvia Colombo)
Fulvia Colombo

Fulvia Colombo (Milano, 13 marzo 1926Suno, 25 settembre 2005) è stata un'annunciatrice televisiva e conduttrice televisiva italiana.

Fu lei a leggere, dagli studi di Milano, il messaggio di inaugurazione delle trasmissioni televisive della RAI - Radiotelevisione italiana, perciò è considerata la prima persona a comparire nella televisione italiana nazionale.

Le sue prime colleghe sono state Marisa Borroni a Milano, Nicoletta Orsomando a Roma, Maria Teresa Ruta e Lidia Pasqualini a Torino.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fulvia Colombo, figlia di un alto dirigente della Fiera di Milano, ha iniziato a lavorare in RAI (ancora in fase sperimentale) fin dal 1952, divenendo successivamente la prima "signorina buonasera".

Suo è il primo annuncio delle trasmissioni ufficiali della televisione italiana, il 3 gennaio 1954[1], al quale assistettero i pochissimi, privilegiati telespettatori dell'epoca.

L'anno di punta della sua stagione televisiva è il 1958: affianca Gianni Agus alla conduzione del VIII Festival di Sanremo, quello vinto da Domenico Modugno con Nel blu dipinto di blu. Nello stesso anno fu anche alla guida del Festival di Napoli.

Vincitrice della Maschera d'argento (1959), quattro anni più tardi (1963) si ritira a vita privata, anche se nell'articolo del Corriere della Sera citato in calce si legge: ...Tutto fini' all' improvviso, nel 1963. La presentatrice ebbe un grave esaurimento nervoso e la Rai le diede il benservito.

Negli anni novanta la si ritrova poverissima e senza pensione[2] in quel di Meina, sul lago Maggiore: la comunità si mobilita per farle avere il sussidio previsto dalla Legge Bacchelli.

È Pippo Baudo a riconsegnarla alla memoria storica in un'intervista per il programma 50, storia della televisione (andato in onda nel 2003), programma per festeggiare i cinquant'anni della televisione italiana col quale riappare in video, lucida e serena, dopo quarant'anni di assenza.

È morta nel settembre del 2005 in una casa di riposo dove viveva da anni.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Signorine buonasera#Note.
  2. ^ Poverissima e senza pensione. Fu la prima presentatrice tv, (E.Girola, Corriere della Sera,25/2/1992)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]