Fulmine (cacciatorpediniere 1896)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fulmine
Il Fulmine a La Spezia, nel 1900
Il Fulmine a La Spezia, nel 1900
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tipo cacciatorpediniere
Classe unità singola
Proprietario/a Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regia Marina
Costruttori Odero, Sestri Ponente
Impostata 14 luglio 1896
Varata 4 dicembre 1898
Entrata in servizio 26 ottobre 1900
Radiata 15 maggio 1921
Destino finale demolito
Caratteristiche generali
Dislocamento normale 298 t
a pieno carico 342 t
Lunghezza 61,7 m
Larghezza 6,4 m
Pescaggio 2,1 m
Propulsione 4 caldaie
2 motrici alternative a vapore
potenza 4675 hp
2 eliche
Velocità 26 nodi
Autonomia 1500 miglia a 8 nodi
Equipaggio 48 tra ufficiali, sottufficiali e marinai
Armamento
Artiglieria 5 pezzi da 57/43 mm
Siluri 3 tubi lanciasiluri da 356 mm
Note
dati riferiti all'entrata in servizio

dati presi da Warship 1900-1950, Agenzia Bozzo e Sito ufficiale della Marina Militare italiana

voci di cacciatorpediniere presenti su Wikipedia

Il Fulmine è stato un cacciatorpediniere della Regia Marina.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Progettato dal generale ispettore del Genio Navale Ernesto Martinez[1] ed ispirato a progetti inglesi e tedeschi dell'epoca, il Fulmine fu il primo cacciatorpediniere italiano[2]. La nave permise di fare esperienza nel settore sia ai progettisti militari che alla cantieristica locale[3], ma si dimostrò, essendo comunque un'unità sperimentale, di caratteristiche mediocri: mentre l'armamento risultò abbastanza adatto, lo scafo ebbe problemi strutturali[4], non consentendo il raggiungimento della velocità massima prevista dal progetto (26,5 nodi)[1].

Il Fulmine fu quindi rapidamente superato dalle classi successive: la Lampo di 6 unità, di costruzione tedesca, e quindi la Nembo (6 unità) e la Soldato (11 unità), costruite in Italia[4].

Negli anni successivi alla costruzione l'armamento della nave subì importanti modifiche, giungendo infine ad essere composto da un cannone da 76/30 mm, tre da 57/43 mm e due tubi lanciasiluri da 356 mm[2].

Prima del 1910 il Fulmine fu utilizzato dal fisico Domenico Pacini per una serie di esperimenti sulla ionizzazione dell'aria[5].

L'unità conobbe il suo primo impiego operativo durante la guerra italo-turca[2]. Il 10 aprile 1912, in particolare, partecipò, insieme agli incrociatori corazzati Carlo Alberto e Marco Polo, agli incrociatori ausiliari Città di Siracusa e Città di Catania ed alla torpediniera Alcione ad un bombardamento della città di Zuara (centro di contrabbando di materiali bellici per le truppe ottomane), seguito da uno finto sbarco simulato dai piroscafi Sannio, Hercules e Toscana[6][7].

All'inizio del primo conflitto mondiale l'unità era temporaneamente aggregata alla V Squadriglia Cacciatorpediniere (Nembo, Borea, Turbine, Espero, Aquilone), ma non era operativa[8].

Sebbene ormai vetusto e superato, il Fulmine fu impiegato in guerra, espletando principalmente compiti di scorta convogli ed azioni antisommergibile[2].

Il Fulmine all'ormeggio a La Spezia

Durante una di queste missioni la nave fu coinvolta nella perdita del piroscafo Minas, che dimostrò i problemi esistenti nel sistema adottato per le scorte in Mediterraneo: l'intesa tra le Marine italiana, francese e britannica prevedevano infatti la divisione del Mediterraneo in varie zone di competenza delle singole Marine, all'interno delle quali la scorta al naviglio in transito sarebbe spettata alla Marina che aveva la giurisdizione su tale area[9]. Il Fulmine, infatti, scortò il Minas, carico di truppe ed in rotta Napoli-Salonicco, sino ad un punto a circa duecento miglia ad est di Malta, dove terminava l'area di giurisdizione italiana e dove il cacciatorpediniere sarebbe dovuto essere rilevato nella scorta da unità britanniche; causa un disguido, tuttavia, nessuna nave inglese andò incontro al Minas, che fu silurato dal sommergibile tedesco U 39 e s'inabissò nel punto 36°25' N e 18°24' E, trascinando con sé 870 uomini[9][10].

Radiato nel 1921[2], il Fulmine fu avviato alla demolizione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Navi da guerra | R. N. Fulmine 1898 | cacciatorpediniere | Regia Marina Italiana
  2. ^ a b c d e Marina Militare
  3. ^ http://www.marina.difesa.it/storia/almanacco/parte05/navi0502.asp Fulmine,Cacciatorpediniere - Sito della Marina Militare, consultato l'8 ottobre 2010
  4. ^ a b http://www.anmimonza.it/doc/La_Regia_Marina.pdf La Regia Marina (1861-1943), consultato l'8 ottobre 2010
  5. ^ http://arxiv.org/PS_cache/arxiv/pdf/1002/1002.2888v2.pdf Domenico Pacini, the forgotten pioneer of the discovery of cosmic rays, consultato l'8 ottobre 2010
  6. ^ Nuova pagina 1
  7. ^ La Guerra Italo Turca - Betasom - XI Gruppo Sommergibili Atlantici
  8. ^ Forum Eerste Wereldoorlog :: Bekijk onderwerp - Regia Marina Italiana,1914-1915
  9. ^ a b Franco Favre, La Marina nella Grande Guerra. Le operazioni navali, aeree, subacquee e terrestri in Adriatico, p. 177
  10. ^ Troopship Minas - Ships hit by U-boats - German and Austrian U-boats of World War One - Kaiserliche Marine - uboat.net
marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina