Fuji T-7

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fuji T-7
Un esemplare di T-7 con i colori della Kōkū Jieitai.
Un esemplare di T-7 con i colori della Kōkū Jieitai.
Descrizione
Tipo Aereo da addestramento basico
Equipaggio 2 (allievo/pilota + istruttore)
Costruttore Giappone Fuji
Data primo volo 2000
Data entrata in servizio 2002
Utilizzatore principale Giappone Kōkū Jieitai
Esemplari 49
Sviluppato dal Fuji T-3
Dimensioni e pesi
Lunghezza 8,59 m
Apertura alare 10,04 m
Altezza 2,96 m
Superficie alare 16,50
Peso max al decollo 1 585 kg
Propulsione
Motore 1 turboelica Rolls-Royce 250-B17F
Potenza 450 shp (336 kW)
Prestazioni
Velocità max 376 km/h (203 kt)
Velocità di stallo 103 km/h (56 kt)
Velocità di crociera 296 km/h (160 kt)
Tangenza 7 620 m (25 000 ft)

i dati sono estratti da "Military Aircraft Directory", Flight International[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il T-7 è un aereo da addestramento basico ad ala bassa e con un abitacolo a 2 posti in tandem, progettato e prodotto dall'azienda aeronautica giapponese Fuji Heavy Industries. Viene impiegato anche per il volo strumentale e acrobatico.

Storia del progetto[modifica | modifica sorgente]

Il T-7 nasce in risposta ad una specifica emessa verso la fine degli anni novanta dalla Kōkū Jieitai (la forza aerea nipponica), in cerca di un nuovo aereo da addestramento basico in grado di sostituire gli anziani Fuji T-3 nell'addestramento al volo primario, strumentale e acrobatico dei giovani piloti militari.

La Fuji Heavy Industries sviluppò il nuovo trainer basico basandosi sull'esperienza accumulata con il T-3. Infatti l'architettura del T-7 ricalca quella del suo predecessore ad eccezione della nuova deriva a freccia e del motore; il vecchio motore a pistoni Lycoming IGSO-480 fu rimpiazzato con un nuovo motore a turboelica Rolls-Royce 250-B17F.

Il prototipo del T-7 spiccò il suo primo volo nel 2000 e il primo velivolo di serie fu consegnato alla forza armata nel settembre 2002, diventando operativo solamente dal marzo 2003.[2]

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Giappone Giappone
opera con 49 esemplari di T-7 dal 2002;

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ripley 25–31 May 2004, p.57.
  2. ^ Japan's pilots to start T-7 training early next year

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Paul Jackson, Jane's All the World's Aircraft 2003–2004, Coulsdon, UK, Jane's Information Group, 2003, ISBN 0-7106-2537-5.

Periodici[modifica | modifica sorgente]

Velivoli comparabili[modifica | modifica sorgente]

Cile Cile
Francia Francia
Jugoslavia Jugoslavia
Stati Uniti Stati Uniti
Svizzera Svizzera

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Video ed immagini[modifica | modifica sorgente]