Fuero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fuero è un termine che possiede vari significati, ma ha particolare rilevanza perché è il risultato di una particolare selezione di norme consuetudinarie da adoperare in un processo. I Fueros sono le forme maggiormente risalenti al diritto locale, trovarono diffusione nella penisola iberica attorno all'XI secolo. I fueros breves sono brevi raccolte di consuetudini e nel corso dell'XI e del XII secolo si accrescono e si consolidano, diventando così note con il nome di Fueros extensos.

Tra i più importanti "fueros" c'è il Fuero Juzgo del XIII secolo (1241) che è una versione in lingua castigliana del Liber Iudiciorum (654 d.c.), una compilazione di leggi territoriali che derivano dalle norme consuetudinarie importate dall'esperienza dei Visigoti nella Spagna del V e VI secolo. La Castiglia fu infatti il primo regno della penisola iberica ad attuare una politica di uniformazione giuridica a discapito dei particolarismi locali. I fueros castigliani avevano perciò valore generale in modo da ordinare ed uniformare l'ordinamento giuridico sul territorio. Altre esperienze del genere si registrano in Navarra (Fuero general de Navarra) e Aragona (Fuero de Aragon). In seguito mentre la Castiglia fu il primo porto d'approdo al processo di "recezione" del diritto romano in Spagna, in Navarra ed Aragona le nobiltà locali erano restie all'importazione del diritto romano visto come diritto imperiale che minacciava le consuetudini locali, garanzie del loro potere sul territorio.

In un contesto più ristretto il "fuero" rappresentava il riconoscimento scritto che il signore feudale faceva nei confronti di realtà più piccole ed avevano generalmente ad oggetto il patrimonio. Per questa ragione "fuero" diventò presto sinonimo di privilegio accordato dal Signore.

Bibliografía[modifica | modifica sorgente]

  • Ana Maria Barrero García, El Derecho local en la Edad Media y su formulación por los reyes castellanos in Anales de la Universidad de Chile, 5ª, 1989, p 105-130. Estudios en honor de Alamiro de Avila Martel.
  • Ana Maria Barrero García y María Luz Alonso Martín, Textos de Derecho local español en la Edad Media. Catálogo de Fueros y Costums municipales, Madrid: Consejo Superior de Investigaciones Científicas. Instituto de Ciencias Jurídicas, 1989, ISBN 84-00-06951-X.
  • Javier Barrientos Grandon, Introducción a la historia del Derecho chileno. I. Derechos propios y Derecho común en Castilla, Santiago: Barroco Libreros, 1994.
  • Alfonso García-Gallo, Aportación al estudio de los Fueros in Anuario de Historia del Derecho Español, vol. 26, 1956, p 387-446.