Type 38 (fucile)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Fucile Tipo 38)
Type 38
Rifle Type 38 1.jpg
Tipo fucile d'ordinanza
Origine Giappone Impero giapponese
Impiego
Utilizzatori Giappone Impero giapponese
vedi qui
Conflitti Seconda guerra sino-giapponese
Seconda guerra mondiale
Guerra di Corea
Produzione
Progettista Nariakira Arisaka
Data progettazione 1905
Date di produzione 1905 - 1941
Entrata in servizio 1906
Ritiro dal servizio 1945
Numero prodotto ~ 3.400.000
Varianti Type 44
Type 99
Descrizione
Peso 4,12 chili
Lunghezza 1275 mm
Lunghezza canna 800 mm
Calibro 6,5 mm
Munizioni 6,5 x 50 mm Arisaka
Numero canne 1
Azionamento a retrocarica, otturatore girevole-scorrevole
Cadenza di tiro 30 colpi al minuto
Alimentazione serbatoio fisso da 5 colpi

Military Factory.com [1]

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

Il Type 38 è stato un fucile a otturatore girevole-scorrevole progettato nei primi anni del XX secolo dall'Impero giapponese, in sostituzione del poco efficiente Type 30. Il nuovo fucile venne prodotto in oltre tre milioni di esemplari e servì l'esercito nipponico fino al termine della seconda guerra mondiale, dimostrandosi un'arma affidabile e robusta ancorché dal modesto potere d'arresto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Giappone adotta un primo fucile moderno nel 1880, si tratta del fucile Murata tipo 13, un'arma monocolpo calibro 11. Viene rimpiazzato sette anni più tardi da un modello a ripetizione calibro 8 mm, munito di un serbatoio sotto la canna sullo stile del fucile Lebel francese, nato in quell'epoca. Gli succede, nel 1897, il fucile Type 30 in 6,5 mm con cartuccia caricata con le nuove polveri senza fumo. Il meccanismo di quest'arma è una combinazione dei sistemi Mauser spagnolo per quanto riguarda l'otturatore e l'alimentazione e il resto riprende dal sistema Mannlicher.

Nel 1902 la marina imperiale adotta un'arma simile, ma leggermente modificata: il Type 35. Questo è munito di un copriculatta che si apre da dietro in avanti indipendente dall'otturatore.

Il conflitto russo-giapponese del 1904/05 evidenzia i difetti del sistema, che viene profondamente modificato dall'inventore. Il risultato è il fucile Arisaka Type 38 adottato nel 1905, la cui distribuzione all'esercito cominciò due anni più tardi. Il suo otturatore a differenza di quello del modello 30 è ancora più simile a quello del Mauser tedesco.

Il modello 38 è stato prodotto fino al 1941, da:

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La cassa comprende un fusto lungo, un calcio a impugnatura mezza pistola - costituita da due elementi collegati - e un guardamano che ricopre parzialmente la canna, unito alla cassa per mezzo di una fascetta di metallo piatto.

La canna è a sezione rotonda, un terzo della sua bacchetta di pulizia è alloggiata all'estremità del fusto. L' interno della canna ha sei rigature destrorse.

La scatola di culatta è aperta nella parte alta. L'otturatore ha una leva d'armamento dritta, che termina con un pomello.

L'otturatore si compone di un solo elemento cilindrico con due tenoni di chiusura posti in testa, più il terzo posizionato posteriormente nella parte bassa. Un copriotturatore in lamiera, che si muove insieme all'otturatore, chiude automaticamente la finestra di alimentazione.

Il serbatoio è posto sotto l'otturatore e contiene fino a 5 cartucce in posizione bifilare.

Il tappo di culatta svolge la funzione di sicurezza. Orientato di 45 gradi verso destra, blocca il percussore e l'otturatore.

Gli organi di mira sono formati da un mirino e da un alzo a cursore graduato da 500 a 2400 m.

L'arma era in dotazione alla fanteria dell'esercito e della marina imperiale e utilizzava la sciabola-baionetta Type 30: quando inastata il fucile misurava 1.670 mm.[1]

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Il fucile di precisione Type 97: sopra il mirino telescopico

Nel 1937, dopo diversi collaudi, l'esercito adottò ufficialmente la versione da tiratore scelto del Type 38, denominata "Type 97" dalle ultime due cifre del corrente anno imperiale, il 2597 (il calendario inizia nel 660 a.C., anno della fondazione mitica dell'Impero giapponese). Rispetto al normale fucile montava un mirino telescopico da 2,5 o 4 ingrandimenti[2] con guaina in gomma, disassato sul lato sinistro e assicurato a un'apposita piastrina; un meccanismo a leva permetteva di attaccare (quando girata a destra) o rimuovere (quando girata a sinistra) il mirino, che di norma veniva conservato in un proprio astuccio. Inoltre la maniglia d'armamento dell'otturatore non era diritta bensì era stata piegata verso il basso.[3]

Il Type 97 cominciò a essere costruito dall'arsenale di Kokura nel 1937 e fino al 1939 vennero completati circa 8.000 pezzi; nel 1938 anche quello di Nagoya attese alla produzione dell'arma che portò avanti fino al 1943, totalizzando più o meno 14.500 esemplari.[3]

Altri utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il fucile corto Arisaka Modello 38 in calibro 6,5 giapponese. URL consultato il 25 giugno 2014.
  2. ^ Type 38 su world.guns.ru. URL consultato il 17 agosto 2013.
  3. ^ a b Type 97 su members.shaw.ca. URL consultato il 17 agosto 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Exell, Edward Armi leggere di tutto il mondo Ed. Ermanno Albertelli
  • Exell, Edward Armi della fanteria nella seconda guerra mondialeEd. Ermanno Albertelli

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]