Fußball- und Sportverein Zwickau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fußball- und Sportverein
Zwickau e. V.
Calcio Football pictogram.svg
FSV Zwickau.png
Die Schwäne (i cigni)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Rosso e Bianco.svg rosso-bianco
Dati societari
Città Zwickau
Paese Germania Germania
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Germany.svg DFB
Fondazione 1912
Rifondazione 1990
Presidente Frank Weigel
Stadio Sportforum Sojus 31
( posti)
Sito web www.fsv-zwickau.de
Palmarès
Titoli nazionali 2 DDR-Oberliga
Trofei nazionali 3 FDGB Pokal
Si invita a seguire il modello di voce

Il Fußball- und Sportverein Zwickau è una società calcistica tedesca con sede nella città di Zwickau, in Sassonia. Nel 2014-2015 gioca nel girone Nordost della Regionalliga (quarta divisione del campionato tedesco di calcio).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il club fu fondato nel 1912 con il nome di SC Planitz, dall'omonimo distretto sud della città.

Sotto il terzo reich il calcio tedesco fu riorganizzato. Nel 1933 le sedici massime divisioni vennero chiamate Gauligen. Il Planitz andò a giocare in Gauliga Sachsen dove cominciò subito a lottare per il titolo regionale (che conquistò solo nel 1942) con i rivali del Dresdner SC. Alla fine della seconda guerra mondiale le autorità alleate smantellarono tutte le associazioni sportive comprese e il Planitz non fu da meno. Il club fu rifondato nel 1945 con il nome di SG Planitz.

Come tutti gli altri club calcistici della Germania Est anche questa squadra, nel corso della sua storia, cambiò diverse volte il suo nome, che spesso evidenziava la "forza lavoro socialista" usata a mo' di propaganda. Il club fu rinominato nel 1949 ZSG Horch Zwickau, poi nel 1950 BSG Horch Zwickau e BSG Motor Zwickau. Nel 1968 si unì con l'Aktivist Karl Marx Zwickau e assunse la denominazione di BSG Sachsenring Zwickau. Infine la società prese il nome di FSV Zwickau nel 1990, dopo la riunificazione tedesca.

I primi campioni di Germania Est[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1948, l'SG Planitz vinse il primo campionato della zona di occupazione sovietica - organizzato dalla Freie Deutsche Jugend, l'ala giovanile del partito comunista - sconfiggendo l'SG Freiimfelde Halle per 1-0 dopo un cammino convincente nei play-off. Inizialmente era previsto un play-off tra le varie squadre vincitrici delle rispettive zone di occupazione ma, causa tensioni dovute alla nascita della Guerra fredda, le autorità sovietiche proibirono al Planitz di volare a Stoccarda per affrontare il Norimberga nei quarti di finale. L'anno successivo il club fece una brutta stagione e non si qualificò per i play-off.

Nella stagione 1949/1950 il club venne rinominato Horch Zwickau e venne ammesso di diritto nella nuova massima serie della DDR, ovvero la DDR-Oberliga. Il club divenne il primo campione in assoluto del campionato vincendo all'ultima giornata proprio contro i rivali del Dresden Friedrichstadt.

Il Dresden però ha avuto prima della finale un cammino molto sofferto ed è stato svantaggiato dalle autorità comuniste in quanto ritenevano il club troppo borghese. Lo Zwickau giocò una partita molto fallosa e, avvantaggiato dal fatto che l'arbitro rifiutò le sostituzioni dei giocatori della squadra di Dresda lasciando di fatto in campo solo 8 uomini, vinse la partita 5-1. I sostenitori del Dresda invasero il campo svariate volte durante il corso della partita e alla fine di questa malmenarono inoltre un giocatore dello Zwickau; successivamente arrivò la polizia per sedare la rissa. Il Dresden infine fu sciolto e i giocatori si trasferirono verso altre squadre; da notare che alcuni di questi volarono oltre la cortina di ferro per andare a giocare all'Hertha Berlino. Comunque questa partita verrà ricordata in quanto è un esempio evidente di come le autorità politiche della Germania Orientale potessero manipolare anche i risultati sportivi.

Lo Zwickau rimase una squadra competitiva per tutti gli anni cinquanta ma non fu più in grado di conquistare altri campionati e nei decenni successivi regredì fino a diventare una squadra di medio-bassa classifica. Altra storia ebbe in Coppa nazionale: dopo aver perso il trofeo in finale, la squadra riuscì a vincere la coppa nel 1963, 1967 e nel 1975. In campo internazionale la squadra figurò in maniera eccellente nella Coppa delle Coppe edizione 1976 eliminò in successione Panathinaikos, Fiorentina, Celtic prima di venire eliminata dai futuri campioni del Anderlecht. Nei primi anni ottanta il club retrocesse in DDR-Liga, facendo poi alcune apparizioni in DDR-Oberliga.

Dalla riunificazione ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la riunificazione delle due leghe tedesche, lo Zwickau si trovò in Oberliga Nordost-Süd e nel 1994 riuscì ad essere promosso in Zweite Bundesliga dove rimase per ben quattro anni. Il retrocesse in Regionalliga e successivamente scese in Oberliga adesso quarto livello del calcio tedesco. Problemi finanziari fecero retrocedere nel 2004 la squadra in Landesliga Sachsen (quinto livello), ma dopo un'ottima stagione è riuscita a farsi promuovere in Oberliga.

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli altri Jürgen Croy, bandiera della società tra gli anni sessanta e gli anni ottanta, Dwayne De Rosario e André Gumprecht militarono per un breve periodo nello Zwickau.

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

La torre del Westsachsenstadion.

Dal 1942 al 2010 il FSV Zwickau ha disputato le gare casalinghe al Westsachsenstadion, sito nel quartiere di Schedewitz e capace di circa 5.000 posti a sedere. A seguito della decisione dell'amministrazione comunale della città di Zwickau di ristrutturare l'impianto e cambiarne la destinazione d'uso, la squadra ha trasferito il proprio terreno di casa presso lo Sportforum Sojus 31, nel quartiere di Eckersbach.[1] Tale impianto, sebbene adeguato alle necessità di una squadra militante nei campionati regionali, ha causato problemi di gestione: in alcuni casi le tifoserie ospiti hanno infatti cercato di smontare le tribune montate intorno al terreno di gioco, realizzate con una struttura posticcia in tubi d'acciaio[2][3]

Il 26 aprile 2012 il consiglio comunale di Zwickau ha deliberato la costruzione di un nuovo stadio nel quartiere di Eckersbach[4]; il progetto è stato presentato il 26 settembre 2013[5]. L'impianto potrà ospitare circa 11.000 posti a sedere (espandibili fino a 15.000 in caso di necessità) e costerà circa 20 milioni di euro[6].

La posa della prima pietra del nuovo impianto è avvenuta il 6 febbraio 2015; la fine dei lavori è stimata per l'estate del 2016. La proprietà dell'impianto resta alla città di Zwickau, che lo concederà in affitto al FSV per un canone variabile a seconda della categoria di militanza[7].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1948, 1951-1952
1962-63, 1966-67, 1974-75

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zwickau stoppt Stadionbau vollständig - freiepresse.de, 2011-09-05
  2. ^ Spielunterbrechung bei Fußballspiel FSV Zwickau gegen Magdeburg - welt.de, 2014-10-12
  3. ^ Polizei prüft Sabotage-Verdacht - Wurde die Tribüne beim FSV Zwickau manipuliert? - focus.de, 2012-08-13
  4. ^ Stadtrat stimmt für neues Stadion in Eckersbach - radiozwickau.de, 26 apr 2012
  5. ^ Beschlussniederschrift der Stadtratssitzung - zwickau.de, 26 set 2013
  6. ^ FSV Zwickau bekommt neues Stadion - stadionwelt.de, 27 apr 2012
  7. ^ Termin für Spatenstich in Zwickau steht fest - stadionwelt.de, 9 gen 2015

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio